Tasse

Tasse, perché ora alle multinazionali del web converrà pagare

Un emendamento alla manovra correttiva prevede che i colossi di Internet si accordino preventivamente con il fisco sull’entità delle proprie imposte

Google

Giuseppe Cordasco

-

Non siamo ancora di fronte a una vera e propria web tax, ma la strada indicata da un emendamento alla manovra correttiva voluto dal presidente della commissione Bilancio di Montecitorio, Francesco Boccia del Pd, è quella che conduce proprio a una tassazione più sensibile, anche se comunque equa, dei grandi colossi di Internet. Per arrivare davvero a un modello fiscale unico per tutte le grandi multinazionali dell’online ci vorrà un accordo di livello internazionale tra i vari governi. Intanto però il Parlamento italiano sembra voler indicare una direzione, che è poi quella che dovrà vedere i colossi del web collaborare sempre più “volontariamente” con il fisco per evitare che si aprano scontri e diatribe tipo quella che si è chiusa recentemente tra Italia e Google, dopo circa un anno di controversie.

LEGGI ANCHE: Evasione, ecco dove nascondono i soldi le multinazionali

LEGGI ANCHE: Quanto vale l'evasione fiscale in Italia

Cosa prevede l’emendamento
Secondo le intenzioni del legislatore, dovrebbe emergere una sorta di interesse della multinazionale del web a collaborare con il fisco, arrivando quasi a definire preventivamente l’entità della propria tassazione. In pratica verrebbe introdotta una disciplina giuridica ad hoc per i colossi dell’online che abbiano fatturati superiori ai 50 miliardi di euro. Le aziende in questione dovrebbero instaurare una sorta di comunicazione e di cooperazione con il fisco, ammettendo in via preliminare di avere effettivamente una stabile organizzazione nel nostro Paese, evitando così le scappatoie utilizzate finora che prevedevano fittizie certificazioni di sedi legali in Paesi fiscalmente più compiacenti. Una volta ammesso di operare effettivamente in Italia, insieme al fisco si andrebbero a definire i limiti massimi di una possibile tassazione, attenendosi alla quale, la multinazionale eviterebbe l’avvio di indagini e inchieste da parte della Guardia di Finanza e dell’amministrazione fiscale.

LEGGI ANCHE: Multinazionali, ecco quanto vale l'evasione fiscale nel mondo

LEGGI ANCHE: Perché le multinazionali non vogliono pagare le tasse in Europa

Requisiti della stabile organizzazione
Esistono condizioni che fanno sì che l’amministrazione fiscale consideri effettivamente una multinazionale come un’impresa con una stabile organizzazione in Italia. Ci riferiamo in particolare al fatto che  il distributore, ossia la società non residente della multinazionale, effettui cessione di beni e servizi a clienti italiani. E ancora che il server provider della stessa multinazionale, che fornisce servizi attraverso una stabile organizzazione in Italia, stipuli con il distributore contratti di supporto alla vendita. E infine che il server provider operi come soggetto radicato in Italia che svolge anche funzioni aggiuntive.

Controversie arretrate
Secondo l’emendamento inoltre, si potrebbero andare a sanare anche le eventuali controversie riguardanti anni fiscali passati. In pratica, anche in questo caso, l’amministrazione erariale dovrebbe raggiungere un accordo con la multinazionale del web, che permetta a quest’ultima di ripagare gli arretrati, usufruendo anche dell’istituto dell’accertamento con adesione, che consente un taglio della metà delle sanzioni normalmente applicate in questi casi.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lotta all’evasione, ecco da dove arrivano i soldi recuperati

Dei 19 miliardi in più incassati nel 2016 dall’Agenzia delle entrate, 10,5 giungono da attività di controllo e 4,1 dalla volonturay disclosure

Fisco: tutte le misure anti-evasione del 2017

Da quest’anno scattano nuove norme che renderanno più semplice lo scambio di informazioni fiscali tra Paesi diversi

Lotta all’evasione: ecco chi rischia di più in futuro

Il fisco punterà l'attenzione su recupero Iva, grandi evasori e contribuenti poco collaborativi. E intanto i commercialisti confermano lo sciopero

Fisco e Ue: i nuovi strumenti per combattere l’evasione

Via libera del Parlamento europeo alla norma che obbligherà lo scambio di informazioni sugli intestatari dei conti bancari

Comuni e lotta all’evasione: quella fonte di risorse ancora non sfruttata

I sindaci chiedono più fondi al governo, ma intanto fanno poco per recuperare gettito da chi non paga le tasse

Multinazionali: ecco chi ha guai con il fisco in Europa

Non c’è solo il caso Apple: sotto osservazione ci sarebbero altri colossi come Mc Donald’s e Starbucks

Commenti