Tasse

Rottamazione cartelle, ecco i Comuni che la permetteranno

Sulle tasse locali, le singole giunte dovevano decidere entro oggi se adottare o meno i pagamenti agevolati e a rate degli arretrati

appendino_sindaco_Torino

Giuseppe Cordasco

-

Sarà una giornata importante quella di oggi per migliaia di Comuni, che dovranno decidere, tramite delibera di giunta, se aderire o meno alla rottamazione bis delle cartelle esattoriali emesse per tutta una serie di tasse locali non pagate regolarmente.

Milioni di cittadini attendono dunque di sapere se anche per Tari, Tasi, multe stradali e altre imposte di carattere comunale, ci sarà la possibilità di pagare eventuali arretrati in maniera agevolata e a rate senza incorrere in sanzioni troppo pesanti.

Dovrà essere cura quindi di ogni singolo contribuente che detiene debiti fiscali con la propria amministrazione locale, informarsi su quella che sarà stata la decisione della propria giunta. Intanto però, per moltissime realtà, i giochi sono stati già fatti. Vediamo dunque come ha deciso di comportarsi la maggior parte dei sindaci.

Chi ha già deciso

Cominciamo con il dire che per una gran quantità di Comuni, e in particolare per grandi città come Roma, Napoli, Genova, Palermo, Venezia e Perugia, le decisioni in merito alla rottamazione bis sono state già prese. Queste realtà infatti, così come moltissime altre amministrazioni locali, aderiscono al servizio riscossione garantito dall’Ader, l’Agenzia delle entrate – Riscossione, che ha da qualche tempo sostituito la vecchia Equitalia.

Ebbene, i Comuni che utilizzano questo servizio, di default sono stati ricompresi nella rottamazione bis attuata dalla stessa Ader. Quindi in tutti questi casi i cittadini sanno già che potranno usufruire di questa opportunità di pagamento agevolato delle cartelle arretrate, senza incorrere in sanzioni gravi.

Rottamazione, più al Sud che al Nord

Per molti altri Comuni invece la situazione è un po’ più articolata. In alcuni casi infatti i sindaci hanno deciso di affidarsi ad altri enti di riscossione che non sia l’Ader, oppure, in casi più limitati, hanno optato per una riscossione autonoma delle cartelle arretrate.

Ebbene, per tutte queste amministrazioni comunali, scade appunto oggi il termine per aderire o meno alla rottamazione bis. E allora, si scopre che, secondo una ricerca condotta in maniera specifica dal Sole24Ore, una buona quantità di Comuni del Nord Italia ha deciso di non aderire alla rottamazione bis, mentre nel Sud sono più numerosi i casi di città e piccoli Comuni che hanno optato per questa soluzione.

Le ragioni del no

A spingere per un rifiuto della nuova opportunità di rottamazione è in particolare una motivazione: lo scarso successo, in termini di gettito recuperato, ottenuto con la prima rottamazione, quella del 2016. Esemplare in questo senso, come riporta il Sole24Ore, il caso di Matera che ha optato per il no, dopo che nel 2016 si erano registrate meno di 20 domande su 400-500 notifiche.

Ci sono poi città che restano coerenti con il rifiuto iniziale, quello deciso anche in occasione della prima rottamazione, anche per una questione etica e di rispetto per tutti quei cittadini che hanno sempre pagato regolarmente le proprie tasse: è il caso di Torino, Verona e di numerosi capoluoghi dell’Emilia Romagna, dove dunque anche questa volta non ci sarà nessuna rottamazione delle cartelle comunali.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Rottamazione cartelle: come funziona Contotax di Equitalia

Il nuovo servizio permette di definire online le somme da restituire e il programma di rateazione che si intende seguire

Liti fiscali, ecco come funziona la rottamazione

In cambio della rinuncia al contenzioso in tribunale, lo Stato offrirebbe uno sconto sostanzioso su quanto dovuto al fisco

Evasione, da dove arrivano i 20 miliardi recuperati nel 2017

Un contributo fondamentale è stato fornito dalla rottamazione delle cartelle esattoriali, che ha permesso incassi per circa 7 miliardi

Lotta all'evasione, ecco la nuova strategia della Guardia di Finanza

Nel rinnovato Manuale operativo delle Fiamme Gialle le regole d’ingaggio prevedono più attenzione a grande evasione e capitali offshore

Tasse, ecco le professioni più a rischio evasione

Barbieri, parrucchieri e fiorai presentano minor congruità nella dichiarazione dei redditi. Più diligenti invece amministratori di condominio e laboratori

Fisco: tutte le misure anti-evasione del 2017

Da quest’anno scattano nuove norme che renderanno più semplice lo scambio di informazioni fiscali tra Paesi diversi

Tutti i numeri dell'evasione fiscale in Italia

Ogni anno gli italiani nascondono al Fisco 88 miliardi di euro: è il gap tra le imposte che dovrebbero essere versate e quelle pagate

Italia prima in Europa nell'evasione dell'Iva

E' quanto emerge da un'analisi della Commissione europea sul divario tra le entrate previste e quelle riscosse

Commenti