Rateizzare le cartelle esattoriali: il boom di luglio

Oltre 156 mila richieste di cui solo un terzo da parte delle aziende che coprono però il 66% dei 26,6 miliardi da riscuotere

iStock

Andrea Telara

-

La rateizzazione si conferma 
lo strumento più utilizzato dai contribuenti per pagare le 
cartelle esattoriali. Nello scorso mese di luglio, informa Equitalia, si è registrato il record di 156mila richieste, con una media 
settimanale pari a circa il doppio di quella registrata nei 
primi sei mesi dell'anno. Ad oggi sono attive 2,4 milioni di 
rateizzazioni per un controvalore di 26,6 miliardi di euro.

Leggi anche: cosa dice la legge


Più della metà delle riscossioni di Equitalia oggi avviene 
tramite il pagamento dilazionato. Circa il 76,9% delle 
rateizzazioni riguarda persone fisiche, il restante 23,1% società e partite Iva. Considerando gli importi, il 
65,9% è stato concesso a imprese e il 34,1% a persone 
fisiche. Il 70,8% delle rateizzazioni riguarda debiti fino a 
5 mila euro, il 26,2% debiti tra 5.000 e 50mila euro e il 
2,9% oltre 50mila euro.

La Lombardia guida la "classifica" 
delle regioni con oltre 384mila rateizzazioni attive per un 
importo di 5,5 miliardi, seguita dal Lazio (305 mila per 3,7 miliardi), 
dalla Campania (265mila per 3,2 miliardi) e dalla Toscana (231mila 
per 1,9 miliardi).



Equitalia 
ricorda intanto che proseguono le iniziative per semplificare 
gli adempimenti fiscali. Nel 2015 cominceranno a essere 
notificate le cartelle con allegati i piani di rateizzazione 
precompilati del debito che possono essere concessi in base 
ai parametri previsti dalla legge. Il contribuente, spiega la 
nota, potrà scegliere di saldare in un'unica soluzione oppure aderire al piano di pagamento più adatto alle sue 
esigenze e alle sue disponibilità economiche. Si tratta di 
un nuovo passo avanti per migliorare il rapporto con i 
contribuenti che non dovranno più recarsi allo sportello o 
simulare il piano di ammortamento dal sito Internet, ma 
potranno avere a disposizione tutti gli elementi per decidere 
come pagare contestualmente alla notifica della cartella
.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Agosto, ecco tutte le tasse che pagheranno le imprese

Dall’Iva all’Irap, dall’Ires alle ritenute Irpef, per fine mese al fisco andranno circa 30 miliardi di euro

Perché le tasse aumentano di più al Sud Italia

Paese spaccato in due nell'andamento della pressione fiscale: i territori più ricchi riducono i tributi, mentre i più poveri li aumentano

Agenzia delle entrate: così daremo la caccia agli evasori

In un comunicato le linee guida del direttore Rossella Orlandi: attenzione maggiore alle frodi più insidiose. Faro sui grandi contribuenti, cautela sulle presunzioni e redditometro solo per chi è ad "alto rischio"

Commenti