Tasse

Prima casa, le agevolazioni per chi vende e ricompra

L’Agenzia delle entrate ha chiarito che nel caso l’immobile preposseduto non sia stato ancora ceduto, si ha comunque diritto al credito d’imposta

condomini

Giuseppe Cordasco

-

Un’importante chiarimento in tema di acquisto di prima casa è arrivato proprio in queste ore dall’Agenzia delle entrate. I tecnici del fisco hanno infatti spiegato in una circolare ad hoc che le agevolazioni fiscali a cui si ha diritto nel caso si entri in possesso di una nuova abitazione da considerarsi come principale, sono valide anche nel caso si stia ancora procedendo alla vendita di una prima casa precedentemente di proprietà. In pratica, i benefici tributari, ossia il credito d’imposta, scatta anche nel caso la trattativa per la vendita non sia effettivamente conclusa. Si tratta di una misura molto significativa perché tende comunque a flessibilizzare maggiormente i tempi tra vendita e acquisto di una prima casa, rendendo meno vincolante la chiusura del primo contratto con la stipula del secondo. Il chiarimento è giunto dopo che la nuova legge di stabilità aveva introdotto le novità in questione senza fornire però le necessarie delucidazioni sui vari casi possibili.

Prima casa, tutte le agevolazioni fiscali del 2016


A questo proposito, l’Agenzia delle entrate ha anche spiegato come si debba comportare in condizioni analoghe il contribuente che proceda all’acquisto di una prima casa a titolo gratuito, ossia in seguito a successione o donazione. Anche in questo caso infatti non vengono a cadere i benefici del credito d’imposta nel caso si proceda alla vendita di un precedente immobile adibito ad abitazione principale. In questo caso però deve essere esplicitato l’impegno, da parte del soggetto in questione, a rivendere l’abitazione già in possesso entro un anno dall’acquisizione del nuovo immobile donato. Anzi, diventa addirittura vincolante l’annotazione dell’impegno appunto a vendere entro l’anno l’immobile preposseduto, annotazione che deve essere contenuta nell’atto di donazione o nella dichiarazione di successione. Importante infine annotare in chiusura che tutte queste facilitazioni sono, come accennato, contenute nella nuova legge di stabilità, la cui validità è scattata a partire dal primo gennaio 2016.

Ristrutturazioni, ecco le nuove agevolazioni per il risparmio energetico


Dunque, tutte le procedure di cui parliamo, ovvero atto di vendita e atto di acquisto del nuovo immobile adibito a prima casa, devono cadere all’interno dell’anno in corso, altrimenti non potranno essere assoggettabili all’agevolazione in questione. Esempio classico è quello di chi stia proprio in questi giorni mettendo a punto il contratto di un’abitazione che intende adibire a prima casa e che ha avviato le procedure di vendita della precedente prima casa nell’autunno del 2015 o anche solo a dicembre dell’anno scorso. In questo caso le agevolazioni del credito d’imposta non potranno scattare in contemporanea, e prima di poterne usufruire per la nuova abitazione bisognerà attendere, come accadeva in passato, di aver effettivamente formalizzato la vendita dell’immobile preposseduto.   

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Tutti i bonus del 2016

Dalle ristrutturazioni ai mobili, dagli asili nido ai libri scolastici: sono numerose le agevolazioni confermate o introdotte quest’anno

Ristrutturazioni e detrazioni, 10 cose da sapere

Tutte le agevolazioni fiscali del 2015 sui lavori di riqualificazione degli immobili e sugli arredi

Bonus ristrutturazioni, tutto quello che si può detrarre

L’Agenzia delle entrate ha fornito importanti chiarimenti riguardo caldaie, vasche da bagno e spazi di pertinenza comune

Renzi: "Dal 2016 via le tasse sulla prima casa"

Commenti