Tasse

Patrimoniale, cos’è e perché se ne parla

Uno studio dell’Ocse sostiene che in certi paesi, compresa l’Italia, una tassa sulla ricchezza ridurrebbe le disuguaglianze

agenzia-entrate

Andrea Telara

-

Se ne parla da anni, a intervalli regolari, ed è tornata di attualità da pochi giorni. Si tratta dell’imposta patrimoniale, che è stata l’oggetto di uno studio da poco pubblicato dall’Ocse. Gli analisti dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico sostengono infatti che una wealth tax, un prelievo fiscale sulla ricchezza dei contribuenti (indipendentemente dai loro redditi), contribuirebbe a ridurre le disuguaglianze. 

Solo in quattro ce l’hanno

Questa considerazione, secondo gli autori del report, vale soprattutto in alcuni paesi che hanno una tassazione relativamente bassa sui redditi da lavoro o sulle rendite finanziarie. Eppure, le nazioni appartenenti all’Ocse che hanno una tassa patrimoniale sono oggi appena 4 (Francia, Svizzera, Spagna e Norvegia), contro le 12 del 1990. 

Ma è opportuno reintrodurre un’imposta patrimoniale anche in Italia? Su questo interrogativo, le opinioni di politici ed economisti si sono spesso divise. Prima di farsi un’idea, è bene però chiarire che cos’è, di preciso, la tanto discussa patrimoniale. Si tratta di un’imposta che, come dice il nome, colpisce il patrimonio di un contribuente, dagli immobili ai risparmi, indipendentemente da quanto guadagna col suo lavoro. 

Modello francese

L’esempio più vicino a noi è quello della Francia dove esiste la Impôt de Solidarité sur la Fortune, una patrimoniale che colpisce le ricchezze sopra gli 800mila euro. Si tratta di un prelievo che grava soprattutto sui patrimoni finanziari e su quelli immobiliari. Le aliquote crescono progressivamente all’aumentare della ricchezza e partono da un minimo dello 0,5% per arrivare all’1,5% quando la ricchezza complessiva supera i 10 milioni di euro. 

In Italia una tassa di questo genere non c’è ed era stata proposta qualche anno fa dal Partito Democratico, quando a guidarlo era l’ex segretario Pier Luigi Bersani. A ben guardare, però, non è vero che nel nostro Paese non esiste un’imposta patrimoniale. Ce ne sono addirittura due: una è l’Imu, che colpisce gli immobili di lusso e tutti i fabbricati diversi dalla prima casa. Poi c’è l’imposta di bollo, un balzello dello 0,2% sui risparmi. 

Dunque, un interrogativo è d’obbligo: cosa accadrebbe all’Imu e all’imposta di bollo se arrivasse una patrimoniale sul modello francese? Si aggiungerebbe agli altri due balzelli o li sostituirebbe? Domande tutt’altro che trascurabili visto che già le imposte oggi esistenti pesano per quasi 20 miliardi di euro sulle tasche degli italiani. 


Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lo scandalo della patrimoniale nascosta

Nel 2015 lo Stato ha prelevato dai depositi degli italiani oltre 4 miliardi di euro. E tra poco potrebbe arrivare anche una stangata sulle successioni

Patrimoniale Cisl, ecco le famiglie che verrebbero colpite

Nella riforma del fisco presentata dal sindacato c’è una nuova tassa sulla ricchezza che interesserebbe però solo i grandi patrimoni

Risparmi: in arrivo una patrimoniale su scala globale

A lanciare l'allarme è il Wall Street Journal. La manovra una tantum suggerita dall'Fmi per abbattere il debito dell'Eurozona piace anche ai guru della finanza USA

Patrimoniale: l'obiettivo "segreto" del governo Renzi

Il consigliere del neopremier Davide Serra (Algebris) e la Cgil chiedono di alzare l'imposta sulle rendite e di riequilibrare il fisco a favore del lavoro

Risparmio: per gli italiani una patrimoniale nascosta da 9 miliardi

A partire dal 2011, secondo una ricerca pubblicata sul numero di Panorama in edicola, i governi hanno aumentato i prelievi su conti correnti e investimenti del 130 per cento

Patrimoniale: il modello Cipro non sia d'esempio in Europa

Secondo l'economista Stefano Caselli il prelievo forzoso sui conti correnti autorizzato da Nicosia non è applicabile in paesi come l'Italia e la Spagna

Abolire le tasse universitarie: perché sarebbe un errore

Impoverire gli atenei significherebbe non poter pagare bravi docenti, quindi dequalificare il sistema e creare una frattura sociale

Apple-Dublino-UE: l'intesa sulle tasse, spiegato bene

Dal 2018 la casa di Cupertino dovrà versare oltre 13 miliardi di imposte non pagate in un fondo di garanzia in attesa della sentenza della Corte UE

Tasse, ecco le professioni più a rischio evasione

Barbieri, parrucchieri e fiorai presentano minor congruità nella dichiarazione dei redditi. Più diligenti invece amministratori di condominio e laboratori

Commenti