Tasse

Pace fiscale, esclusi gli evasori: ecco perché sarà un flop

Al momento la bozza di decreto prevede che il nuovo condono sia solo per chi ha dichiarato tutto al fisco, ma poi non ha potuto pagare

Agenzia_Entrate

Giuseppe Cordasco

-

La pace fiscale, quella che in tanti hanno già, forse opportunamente, ribattezzato condono o rottamazione ter, continua a far discutere. E questa volta a lanciare un preoccupato allarme sono i commercialisti.

Così per come sarebbe stata definita infatti la bozza di decreto fiscale collegata alla manovra, potrebbe generare un gettito aggiuntivo assolutamente inferiore alle aspettative, essere cioè un vero e proprio flop finanziario.

E le motivazioni sono legate alla platea di contribuenti a cui sarebbe, almeno per il momento, rivolta questa nuova rottamazione fiscale. Vediamo allora di capire da cosa nascono queste preoccupazioni.

Evasori “dimenticati”

Il nodo della questione riguarda il particolare, per niente secondario, secondo il quale il nuovo condono sarebbe rivolto a tutti quei cittadini che, è vero, non hanno pagato le tasse dovute, ma in ogni caso hanno segnalato in modo fedele il proprio debito al fisco, ovvero hanno effettuato correttamente tutte le dichiarazioni.

Poi, come detto, per svariati motivi, non sono riusciti a versare il dovuto all’erario, però il loro dovere, almeno nella parte dichiarativa, lo hanno svolto correttamente. C’è però un dettaglio non da poco: in questo modo, secondo il Consiglio nazionale dei commercialisti, gli importi a ruolo che verrebbero sanati "non supererebbero il 15% del totale".

Resterebbe invece fuori una fetta consistente, pari all’85%, di veri e propri evasori, cioè di soggetti che o hanno dichiarato il falso o hanno del tutto omesso di dichiarare il dovuto. Questi contribuenti verrebbero esclusi dalla rottamazione e dunque non sarebbero minimamente invogliati a mettersi in regola.

In questo modo non solo abbasserebbero considerevolmente l’eventuale gettito aggiuntivo del condono, che dunque potrebbe risultare quasi irrisorio, ma potrebbero essere indotti a perseverare nella propria “illegalità fiscale”.

Evidenze numeriche

A supporto del proprio allarme sulla possibile scarsa entità del gettito della cosiddetta pace fiscale, almeno così come concepita al momento, i commercialisti hanno addotto numeri quanto mai emblematici.

Nella media del periodo 2011-2016 infatti, spiegano dal Consiglio nazionale, “il 'gap' complessivo relativo all'Irpef da lavoro autonomo, Ires, Iva, Irap, locazioni e canone Rai ammonta a circa 86,4 miliardi di euro: di questi, 13,2 sono ascrivibili alla componente dovuta ad omessi versamenti ed errori nel compilare le dichiarazioni, mentre il 'gap' derivante da omessa dichiarazione ammonta a circa 73,2 miliardi".

In altre parole, "soltanto il 15,3% dell'evasione è di chi 'dichiara e poi non paga', il restante 84,7% deriva da dichiarazione infedele, o omessa". Insomma, il governo è avvisato, e ora vedremo se intenderà cambiare rotta oppure no.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Cartelle ex Equitalia: ecco come funzionerà la rottamazione bis

Il governo ha intenzione di riaprire i termini di adesione per chi ha saltato qualche rata e per molti di quelli rimasti esclusi dal primo round

Cartelle Equitalia: ecco come potrebbe funzionare la rottamazione bis

Il governo è deciso a riaprire i termini per circa 400mila contribuenti che hanno commesso errori formali o pagato in ritardo le rate

Rottamazione cartelle: come funziona Contotax di Equitalia

Il nuovo servizio permette di definire online le somme da restituire e il programma di rateazione che si intende seguire

Tutti i problemi della rottamazione delle cartelle Equitalia

Dai 4,6 milioni di avvisi senza informazioni alla chiusura del numero verde. Code agli sportelli e tanta confusione

Equitalia, rottamazione cartelle 2017: la doppia via

C’è tempo fino al 31 marzo per decidere se aderire alla sanatoria o proseguire con una precedente rateazione del debito

Equitalia, come funziona la proroga per la rottamazione delle cartelle

I contribuenti avranno più tempo per aderire, visto che la scadenza per presentare le domande sarà spostata dal 31 marzo al 21 aprile

Liti fiscali, ecco come funziona la rottamazione

In cambio della rinuncia al contenzioso in tribunale, lo Stato offrirebbe uno sconto sostanzioso su quanto dovuto al fisco

Cartelle Equitalia, a chi conviene la rottamazione

In attesa del via libera definitivo al decreto fiscale, bisognerà valutare l’opportunità di saldare i debiti arretrati in sole 4 rate

Commenti