Modello Red: cos'è e a cosa serve

Come funziona la certificazione sui redditi che ha mandato in tilt i Caaf e che dovrà essere consegnata entro il 31 ottobre (grazie a un rinvio)

Un centro di assistenza fiscale (credits:Ansa)

Andrea Telara

-

Scadenza rinviata al 31 ottobre. E' il termine ultimo per consegnare i modelli Red, le certificazioni sui redditi che l'Inps richiede ogni anno ai pensionati e che, nelle ultime settimane, hanno provocato un vero e proprio assalto ai patronati. Migliaia di anziani in tutta la Pensiola si sono infatti recati nei centri di assistenza fiscale dei sindacati e delle associazioni di categoria (Caaf), per avere informazioni su una lettera che l'Istituto Nazionale della Previdenza ha inviato loro per posta, chiedendo di consegnare entro il 31 luglio la documentazione su tutti i redditi percepiti nel 2012, pena la perdita di alcune prestazioni previdenziali.

PENSIONI: COSA E' CAMBIATO DAL 2013

Per evitare troppa calca agli sportelli, la scadenza è stata poi spostata di 4 mesi (al 31 ottobre) senza però chiarire troppo le idee ai pensionati sulle procedure da svolgere. Anche perché, va ricordato, le lettere dell'Inps sono state inviate in maniera un po' indiscriminata, anche chi non è obbligato a presentare il Red, poiché ha già consegnato la dichiarazione dei redditi con il 730. Ecco di seguito una guida per orientarsi meglio con questo grattacapo burocratico.

COSA E' IL RED

Si tratta di un documento che serve per “fotografare” la situazione economica di ogni pensionato e stabilire se ha diritto ad alcuni trattamenti pensionistici e previdenziali, il cui ammontare dipende dai redditi complessivi del cittadino. Nello specifico, il modello Red riguarda chi percepisce 4 tipologie di indennità.

- le pensioni integrate al minimo

- le maggiorazioni sugli assegni sociali

- i trattamenti di famiglia (erogati ad alcune categorie di pensionati)

- le pensioni ai superstiti (reversibilità) che in parte non sono cumulabili con gli altri redditi del pensionato

CHI DEVE PRESENTARLO E CHI NO

Chi è titolare di una delle prestazioni elencate sopra, probabilmente avrà ricevuto una lettera dall'Inps con la richiesta di presentazione del modello reddituale. Va ricordato, però, che risulta esonerato dall'obbligo (anche se ha ricevuto la lettera) chiunque abbia già dichiarato tutti i redditi percepiti, presentando il modello 730 o Unico 2013 (sui compensi incassati nel 2012). Il Red va invece consegnato se si è esonerati dalla dichiarazione fiscale oppure se si è titolari di redditi esenti dall'irpef che non vanno indicati nel 730 o nel modello Unico ma che possono influire sull'importo della prestazione pensionistica. E' il caso degli interessi bancari, postali e dei titoli di stato oppure di altri redditi esenti come la pensione di invalidità civile e di guerra o i compensi percepiti all'estero.

COME SI PRESENTA

Il modo più semplice è recarsi con la lettera dell'Inps in un centro di assistenza fiscale o in un patronato delle associazioni di categoria e dei sindacati, dove il personale può fornire anche tutte le informazioni sui documenti da inviare. Il modello Red può essere consegnato presso gli stessi sportelli dei Caaf, assieme alla copia del codice fiscale e della carta di identità e assieme ai documenti che attestano tutti i redditi percepiti nell'anno (tranne quelli della pensione, di cui l'Inps è già a conoscenza).

LA RIFORMA DELLE PENSIONI DI ELSA FORN ERO

LE PENSIONI DEGLI ITALIANI E L'INFLAZIONE

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pensioni: gli assegni sotto i mille euro e le rendite da privilegiati

Metà degli anziani riceve dall'Inps un vitalizio ultra-ridotto. Ma pochi fortunati guadagnano troppo

Pensioni d'oro: due strade per tagliarle davvero

Le soluzioni studiate dal governo per reintrodurre il contributo di solidarietà sugli assegni Inps sopra i 90mila euro, già bocciato dalla Consulta

Commenti