Guardia_Finanza_Giorgio_Toschi
Tasse

Lotta all'evasione, ecco la nuova strategia della Guardia di Finanza

Nel rinnovato Manuale operativo delle Fiamme Gialle le regole d’ingaggio prevedono più attenzione a grande evasione e capitali offshore

La Guardia di Finanza rivede la propria strategia complessiva di contrasto all’evasione fiscale, e lo fa attraversato il proprio Manuale operativo, che dopo dieci anni è stato riscritto con rinnovate regole d’ingaggio.

Per un anno circa ufficiali e ispettori del Corpo hanno lavorato al nuovo testo che entrerà in vigore a partire dal 1 gennaio del 2018: stiamo parlando di 1.200 pagine divise in tre volumi che ridisegnano completamente le modalità con cui i finanzieri dovranno comportarsi nell'esecuzione delle verifiche, dei controlli e delle indagini fiscali.

I nuovi obiettivi

Tra le novità più importanti contenute nel Manuale operativo ci sono certamente gli obiettivi primari verso cui sarà tesa in futuro l’azione delle Fiamme Gialle. E allora, risulta evidente che la lotta ai reati fiscali, nei prossimi anni, dovrà concentrarsi sulle grandi evasioni fiscali e sui sempre più ingenti capitali trasferiti nei Paesi offshore.

Non dovrà però mancare anche un sempre più efficace coordinamento con l'Agenzia delle entrate e soprattutto un rapporto con i cittadini basato su criteri di semplificazione e su regole più chiare. Una nuova strategia complessiva dunque, che nasce dalla fusione delle esperienze maturate nel corso delle complesse indagini contro società fantasma e grandi evasioni fiscali, patrimoni trasferiti nei paradisi fiscali e frodi carosello, con quelle emerse nell'azione quotidiana di controllo del territorio.

Nuovi metodi investigativi

Il salto di qualità che dovrà fare la lotta all’evasione fiscale portata avanti dalla Guardia di Finanza, non potrà dunque che passare soprattutto da un affinamento delle tecniche investigative.

A questo proposito, come hanno spiegato le stesse Fiamme Gialle, sarà fondamentale individuare gli obiettivi in modo mirato e selettivo, anche attraverso la maggiore integrazione fra metodi di investigazione propri della polizia giudiziaria e tecniche di analisi dei bilanci e dei flussi finanziari utilizzati nelle verifiche fiscali.

Tutti elementi che derivano dalle esperienze maturate in anni di indagini e dallo sviluppo di notizie e dati che sono il risultato del  controllo del territorio, dell'attività antiriciclaggio e dell'incrocio delle tante banche dati disponibili.

Azioni quotidiane

Come già accennato, sono decisamente tante le novità contenute nel nuovo Manuale, la maggior parte delle quali riguardano gli aspetti operativi dell’attività delle Fiamme Gialle, ossia l’azione quotidiana di contrasto all’illegalità fiscale.

E allora spazio a nuove disposizioni tecniche su come effettuare le verifiche e sul ruolo di ciascun componente della squadra cui spettano i controlli. E ancora, ampi cenni sui nuovi riferimenti della normativa riguardante le frodi fiscali, sull’Iva, sulla volontary disclosure, sui sequestri e sulle confische, ma anche su come tutelare il contribuente e la sua privacy.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti