Iva e professionisti: in arrivo nuove regole

Per questa categoria di contribuenti non si applicherà più lo split payment, che prevede il pagamento diretto dell’imposta indiretta da parte della pa

Studio_Tecnico

– Credits: Imagoeconomica

Giuseppe Cordasco

-

Buone notizie per tutti i professionisti che lavorano con la pubblica amministrazione. Grazie ad un emendamento alla legge di stabilità a firma degli onorevoli Andrea Mazziotti e Gianfranco Librandi, per tutti loro infatti non sarà più applicato il cosiddetto regime di split payement dell’Iva nel caso di lavori svolti per enti pubblici.

Ricordiamo che il regime in questione, introdotto con l’obiettivo di combattere fenomeni di evasione fiscale, prevede che la pubblica amministrazione invece di pagare l’Iva per una prestazione al fornitore (impresa o professionista che sia), debba versarla direttamente allo Stato. Una modifica sostanziale dunque della normale procedura che prevede invece che l’Iva sia versata prima al fornitore, che poi a sua volta la rigira allo Stato, trattenendo la parte che può scaricare, o andando in questo modo anche a compensare eventuali crediti con il fisco.

Obbligo di Pos, ecco perché i professionisti protestano


Ebbene, la nuova procedura, valida come detto solo per prestazioni svolte per conto di enti pubblici, era stata definita fortemente penalizzante da parte dei professionisti. Per migliaia e migliaia di architetti, geometri, ingegneri e commercialisti che abitualmente svolgono attività per conto della pubblica amministrazione, sarebbe infatti venuta a mancare una fonte di finanziamento che spesso viene impiegata per far fronte agli impegni di breve periodo. Una sorta di taglio di una liquidità immediata che per molti professionisti, in un periodo di crisi come quello attuale, risulta molte volte determinante per far fronte a spese immediate.

Professionisti: tutto quello che c’è da sapere per pagare con il bancomat


Da qui la protesta forte che in questi giorni si era alzata contro questa nuova procedura. Ora però arriva l’emendamento sopra citato che dunque escluderà professionisti e altri prestatori d’opera dalle nuove regole, lasciando l’applicazione dello split payement solo a carico delle imprese.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Partite Iva, come potrebbe cambiare il regime dei minimi

La tassazione passerebbe dal 5 al 15%, il periodo di agevolazione da 5 a 10 anni, mentre il reddito massimo verrebbe fissato a 55mila euro

Partite Iva, in arrivo uno sconto sulle tasse

Il governo introduce per i lavoratori autonomi con redditi più bassi un forfait fiscale, che porterà ad annullare le spese per il commercialista

Evasione all'estero: perché è slittata la collaborazione volontaria

A spingere l'esecutivo a rallentare l'iter parlamentare sarebbero state alcune perplessità emerse durante un ciclo di audizioni alla Camera

Professionisti e Pos: l’obbligo resta, ma senza sanzioni

Il ministero dell’Economia ha deciso di non punire gli studi che non dovessero consentire i pagamenti elettronici

Commenti