Tasse

Iva, l'aumento colpirà questi prodotti

Carne, pesce, yogurt ma anche riso, miele e zucchero. La lista dei rincari della Coldiretti

Un banco di frutta e verdura (Credits: LAPRESSE)

Con l'entrata in vigore della super iva la spesa a tavola degli italiani crollerà di oltre il 3%, per effetto degli aumenti stimati in mezzo miliardo di euro. È quanto afferma la Coldiretti in merito all'analisi dell'Istat davanti alle commissioni Bilancio di Camera e Senato sugli effetti della legge di stabilità per le famiglie, secondo la quale l'incremento dell'aliquota interesserà beni e servizi relativi a quasi l'80 per cento della spesa per consumi.

"L'Iva" spiega Coldiretti "aumenterà infatti dal 10% all'11% per carne, pesce, yogurt, uova ma anche per riso, farine, miele e zucchero; mentre il rincaro dal 21 al 22% riguarderà il vino, birra, acqua minerale ed anche specialità nostrane come il tartufo. Il provvedimento rischia dunque di provocare effetti depressivi sui consumi alimentari a danno delle imprese e dei consumatori, gia' provati dalla crisi e dal crollo del potere di acquisto, che hanno svuotato il carrello della spesa''.

Secondo uno studio Coldiretti realizzato sulla base dei dati relativi ai primi 9 mesi del 2012, elaborati da Coop Italia, il difficile momento economico ha già cambiato il menu degli italiani che a tavola portano più pasta (+3,6%) e meno bistecche (-5,5%). Ad essere ridotti in quantità sono stati anche gli acquisti di pesce (-1%) e ortofrutta (-0,9%), mentre sono saliti quelli di pane (+1,3%).

I PRODOTTI COLPITI DALL'AUMENTO DELL'IVA
Prodotto           Variazione dell'Iva
Farina                 dal 10 all'11%
Riso                    dal 10 all'11%
Carne                 dal 10 all'11%
Pesce                 dal 10 all'11%
Yogurt                 dal 10 all'11%
Uova                   dal 10 all'11%
Miele                   dal 10 all'11%
Zucchero             dal 10 all'11%
Vino                     dal 21 al 22%
Birra                    dal 21 al 22%
Acqua minerale     dal 21 al 22%
Tartufi                 dal 21 al 22%
(ANSA)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti