Tasse

Gli italiani e le tasse

Su 40 milioni di contribuenti, poche decine di migliaia dichiarano di guadagnare oltre 50mila euro annui. La radiografia dei redditi dei nostri connazionali

modello_730_dichiarazioni

Andrea Telara

-

Sono in totale oltre 40milioni e guadagnano in media i 20.320 euro a testa. Ecco la fotografia dei contribuenti italiani secondo le statistiche pubblicate dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, sulla base delle dichiarazioni dei redditi del 2015 (l'anno di imposta preso in considerazione, dunque, è il 2014). Come sempre, i dati medi vanno poi letti più nel dettaglio poiché la distribuzione dei redditi non è ovviamente uniforme. Ben il 46% dei contribuenti, cioè quasi la metà, guadagna in un anno meno di 15mila euro. Un altro 49% ha un reddito intermedio compreso tra 15mila e 50mila euro mentre soltanto il 5% supera la soglia dei 50mila euro (per un totale di circa 200mila individui). Sono invece pochissimi gli italiani che dichiarano un reddito sopra i 300mila euro annui: in totale si tratta di poco più di 31mila persone, che corrispondono allo 0,1% dei contribuenti.


730 e Unico precompilato, istruzioni per l'uso


I cittadini più ricchi, però, sono quelli che contribuiscono maggiormente al gettito dell'irpef (imposta sui redditi delle persone fisiche). Ben un terzo delle entrate dell'imposta, infatti, arriva dai nostri connazionali che guadagnano oltre 50mila euro in un anno, benché rappresentino una piccola minoranza di contribuenti. Un altro 57% delle entrate dell'irpef, invece, arriva dai redditi medi compresi tra 15mila e 50mila euro annui mentre ben 10 milioni di italiani (circa un quarto del totale) fanno parte della categoria degli incapienti, cioè i contribuenti che guadagnano talmente poco da non versare neppure un centesimo di irpef, grazie alla presenza di diversi sconti fiscali (come per esempio le detrazioni per familiari a carico o per le spese sanitarie).


Italiani poveri o ricchi?

Leggendo le statistiche, dunque, sorge spontaneo un interrogativo: gli italiani sono davvero così poveri come sembrerebbe dai numeri pubblicati dall'amministrazione fiscale? Del resto, se solo poche decine di migliaia di nostri connazionali dichiarano di guadagnare più di 50mila euro lordi annui (circa 2.600 euro netti al mese), le possibilità sono due: o i redditi sono davvero molto bassi o molte persone evadono le tasse. Che ci siano molti italiani che non pagano tutte le imposte come dovrebbero, è fuori discussione. Non va dimenticato, però, che i dati sopra esposti si riferiscono ai proventi soggetti all'irpef (rappresentati per lo più dalle pensioni e dai redditi da lavoro dipendente e autonomo). Sono escluse invece le rendite finanziarie, a cui viene applicata una ritenuta alla fonte del 26%. Questa categoria di redditi (interessi, dividendi etc.) ha certamente un peso non trascurabile nel sostenere il tenore di vita delle famiglie, vista la presenza in tutta la Penisola di oltre 3mila miliardi di euro di risparmi.


730 precompilato, come integrarlo correttamente


Vanno lette con attenzione anche le statistiche sui redditi imponibili dichiarati dalla singole categorie professionali. I pensionati guadagnano in media 16.700 euro lordi, i dipendenti 20.520 euro, gli autonomi 35.570 euro e gli imprenditori appena 18.280 euro, sempre al lordo delle tasse. Com'è possibile, si chiedono in molti, che gli imprenditori abbiano in media un reddito inferiore a quello dei dipendenti? Anche in tal caso, vanno fatte alcune precisazioni poiché non si tratta di dati relativi alle società ma esclusivamente alle ditte individuali, dove spesso i redditi vengono ripartiti su più soggetti, che sono anche i familiari del titolare. Non tutti i proprietari d'azienda, insomma, sono degli evasori incalliti come spesso sostiene qualcuno.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Bonus Irpef ai pensionati: cercasi 7 miliardi

Dal 2015, il premier Renzi vuol estendere i tagli alle tasse anche a chi riceve l'assegno dall'Inps. Ecco quanto costerebbe

Il Bonus Irpef ai disoccupati

Chi potrà averlo, quanto prenderà e quando arriverà l'aumento

Bonus Irpef da 80 euro, ecco chi deve restituirlo

A causa di errori nel 730 precompilato, a molti contribuenti il fisco sta imponendo il rimborso del contributo

Il 730 precompilato e il tesoretto inatteso per il governo

Molti contribuenti potrebbero rinunciare a chiedere le detrazioni e scegliere di accettare la dichiarazione senza modifiche, lasciando allo Stato i rimborsi

730 precompilato, ecco quando scatteranno i controlli

Le indagini preventive del fisco verranno avviate nel caso si richiedano rimborsi Irpef superiori ai 4mila euro

Effetto Imu, slittano i modelli 730 e Unico 2013

La sospensione della prima rata dell’imposta sugli immobili costringe a rivedere le dichiarazioni dei redditi e il governo concede più tempo

730 e Unico precompilato, istruzioni per l'uso

Come funziona la dichiarazione dei redditi con i dati già scritti, che i contribuenti riceveranno dal 15 aprile. Le novità di quest'anno

Perché (per ora) il 730 precompilato è stato un flop

L’anno scorso, secondo i dati del ministero delle Finanze, ben il 95% dei contribuenti ha dovuto rettificare o integrare i dati delle dichiarazioni

Commenti