Flat tax, tanti ne parlano, nessuno ha capito come funziona

Soprattutto gli esponenti del governo Conte che non sanno come trovare le coperture. L'obiettivo della flat tax appare comunque contraddittorio con lo spirito assistenzialista, paternalista e diffidente verso l'iniziativa privata, che emerge dagli altri punti del programma dell'esecutivo

tasse-imposte

– Credits: iStock/erhui1979

Serena Sileoni

-

L'ala leghista del governo Conte continua ad annunciare che la flat tax, o qualcosa di essa, si farà,  si farà, prima o poi.
Il viceministro all'Economia Massimo Garavaglia pochi giorni fa ha anticipato la data d'avvio per le imprese entro l'estate. Esprimere un'opinione ponderata su questa flat tax è impossibile.

A parte malferme date iniziali, instabili ambiti di riferimento (a partire dal dubbio di cosa si intenda flat tax per imprese, visto che esiste già), incerte aliquote, sono due le incognite principali.

La prima riguarda le modalità di finanziamento della riforma.

La flat tax ha un costo certo, perché oltre a voler semplificare il sistema fiscale si propone di far pagare meno imposte ai contribuenti. Come si troveranno le coperture, però, non è ancora certo né chiaro, e c'è da credere che non lo sia agli stessi consiglieri della maggioranza di governo.

Il sottosegretario alle Infrastrutture leghista Armando Siri ha fieramente detto, a proposito del valore del condono fiscale con cui si potrebbe in parte finanziarie la flat tax, che le loro sono le stime della strada e non di grigi conteggi d'ufficio. Un messaggio politico efficace per dire che non se ne ha idea.

D'altra parte, la Lega non ha mai fatto mistero di ritenere che la copertura potesse arrivare un po' dall'effetto "moltiplicatore" della flat tax, un po' dall'emersione del sommerso. Due esiti sperabili ma incerti, al punto da immaginare che il presidente della Repubblica Sergio Mattarella potrebbe rinviare la riforma alle Camere, se così fosse.

La seconda incognita riguarda il rapporto tra una riforma fiscale di questo tipo e il resto delle azioni del governo Lega-Cinque Stelle.

Una flat tax che semplifica e alleggerisce il sistema fiscale come punto di partenza fondamentale per la crescita e il benessere non è solo questione di aliquote e coperture.

Quello è il minimo sindacale che gli italiani dovrebbero pretendere, vessati come sono da un sistema riconosciuto pressoché unanimemente come iniquo. Per essere davvero una riforma strutturale utile all'economia deve consentire alle persone, specie a quelle più in difficoltà, una ritrovata fiducia verso il loro Paese.

La flat tax proposta ormai un anno fa dall'Istituto Bruno Leoni combina proprio per questo un'aliquota unica di immediata comprensione, finanziata con una forte semplificazione e riduzione delle spese fiscali e con tagli specificamente individuati di spesa pubblica, a un minimo vitale che faccia da sostegno nei momenti di difficoltà.

L'obiettivo è appunto consentire al sistema fiscale di essere comprensibile ed equo, e con ciò rappresentare un nuovo rapporto tra Stato e cittadino, in cui sia chiaro che il perimetro d'azione del primo è strettamente circoscritto ad aiutare chi è davvero in difficoltà.

Un punto, questo, che non sembra invece chiaro nella flat tax del governo Conte, proprio perché appare contraddittorio con lo spirito assistenzialista, paternalista e diffidente verso l'iniziativa privata, che emerge dagli altri punti del programma di governo.

(Questo articolo è stato pubblicato sul numero 29 di "Panorama", in edicola il 5 luglio 2018)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Flat tax, cos’è e come funziona

Si tratta di un modello di tassazione con aliquota unica rilanciato in queste ore dal programma elettorale della coalizione di centrodestra

Flat tax, ecco per chi potrebbe partire da subito

Secondo il viceministro dell’Economia Garavaglia, in una prima fase, a beneficiare degli sconti sarebbero 1,5 milioni di piccole partite Iva

Flat tax e reddito di cittadinanza: perché non sono quello che sembrano

Il parere di Fiorella Kostoris: riforme vaghe, non complete e i cui costi non sono certi

Flat tax, ecco per chi in Italia è già una realtà

Secondo i dati del fisco, sono più di 600mila le piccole partite Iva che nel 2016 hanno optato per una tassazione con aliquota unica al 15%

Flat Tax: ecco perché funziona davvero

A favore di crescita, famiglie ed equità. E i problemi di copertura non esistono: lo dimostrano l’Istituto Bruno Leoni e l’economista Nicola Rossi

Flat tax, le coperture possibili

Aumento dell’iva e tagli ad alcune prestazioni sociali. Le risorse individuate dall’Istituto Bruno Leoni per avere l’imposta con una sola aliquota

Commenti