Tasse

Fisco, ecco le agevolazioni per far ritornare i cervelli in fuga

L’Agenzia delle entrate pubblica online una guida con gli incentivi per attrarre in Italia capitale umano

ricercatore

Giuseppe Cordasco

-

Dopo anni in cui, spesso in maniera velleitaria, si è lanciato l’allarme sulla cosiddetta fuga di cervelli, finalmente il nostro Paese prova a fare qualcosa non solo per far ritornare giovani italiani partiti alla ricerca di lavoro dall’estero, ma anche per attirare nuovo capitale umano da utilizzare per il rilancio della nostra balbettante economia.

E il primo, e probabilmente più incisivo strumento messo in campo, è quello fiscale. In sostanza, come spiega bene l’Agenzia delle entrate in una efficace guida online, sono state attivate tutta una serie di agevolazioni per docenti, ricercatori, e più in generale anche per semplici lavoratori rimpatriati, che decidono di ristabilire, o anche stabilire per la prima volta, la propria residenza in Italia.

Ma vediamo nel dettaglio quali sono le misure fiscali più interessanti messi in campo per riattrarre forza lavoro di qualità nel nostro Paese.

Alta formazione

Innanzitutto, i docenti e i ricercatori che decidono di trasferire la propria residenza fiscale in Italia potranno godere di una tassazione minima dei redditi da lavoro dipendente e da lavoro autonomo prodotti in Italia per lo svolgimento dell’attività di docenza e ricerca.

Il vademecum dell’Agenzia delle entrate illustra in modo preciso i requisiti che occorre possedere per escludere dalla tassazione il 90% del reddito di lavoro autonomo o dipendente prodotto, come l’essere stati residenti all’estero non in maniera occasionale, il trasferimento della residenza fiscale in Italia e lo svolgimento di attività di docenza e ricerca sempre nel nostro Paese.

Vantaggi già esistenti

Forse non tutti sanno poi che già dal primo gennaio 2017 per i redditi da lavoro dipendente e da lavoro autonomo prodotti in Italia da lavoratori che hanno trasferito la residenza sul territorio nazionale, la tassazione avviene sul 50% del loro ammontare.

Anche in questo caso nella guida online dell’Agenzia delle entrate sarà possibile consultare le modalità di accesso al beneficio, la durata dell’agevolazione e i requisiti richiesti per i lavoratori dipendenti e per quelli autonomi.

Nuovi residenti

Interessante anche, soprattutto ai fini del solo gettito fiscale, la possibilità offerta a quei soggetti che decidono semplicemente di trasferire la propria residenza fiscale in Italia: essi potranno usufruire di un’agevolazione che permette di pagare un’imposta sostitutiva forfettaria dell’Irpef sui redditi prodotti anche all’estero, pari a 100mila euro, in alternativa alla tassazione ordinaria, per una durata massima di 15 anni.

Da notare che, come accennato, in questo caso il beneficio è concesso a prescindere dallo svolgimento di un’attività lavorativa in Italia, e ovviamente è diretto soprattutto a generare nuove e aggiuntive entrate fiscali.

Tra l’altro, sempre all’interno della nuova guida online, sarà possibile per questi soggetti trovare utili chiarimenti sulla scelta dell’opzione, sulle modalità di estensione del beneficio ai familiari e sui redditi esclusi dal regime agevolato.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Incentivi alle assunzioni, come saranno nel 2018

Uno sconto del 15-20% sui contributi da pagare per chi assume un giovane con meno di 30 o 35 anni. Così il governo ci riprova coi bonus per il lavoro

Industria 4.0, ecco perché gli incentivi funzionano

Le spese in macchinari sono cresciute dell’11,6% nel primo semestre del 2017, con un trend positivo anche per gli investimenti in innovazione

Incentivi alle assunzioni, non è giusto introdurli solo per i giovani

Da gennaio, contributi dimezzati per un triennio a chi assume un lavoratore con meno di 35 anni. Ma i disoccupati over 36 sono la maggioranza

Incentivi alle imprese: quanti sono e quanto ci costano

Secondo una rilevazione del ministero dello Sviluppo i bonus per le aziende sarebbero 942 per un valore complessivo di 4,6 miliardi di euro

Partite Iva, tutte le novità sulle agevolazioni fiscali

L’Agenzia delle entrate con una circolare ha fornito importanti chiarimenti sul nuovo regime forfettario

Nuovo Isee, le agevolazioni a rischio

I Caf lanciano l’allarme: l’Inps ancora non ha firmato la convenzione che stabilisce la remunerazione per i nuovi adempimenti

Prima casa, le agevolazioni per chi vende e ricompra

L’Agenzia delle entrate ha chiarito che nel caso l’immobile preposseduto non sia stato ancora ceduto, si ha comunque diritto al credito d’imposta

Commenti