Tasse

Credit Suisse, perché si indaga su 10mila conti

Richieste dalla Guardia di Finanza alle autorità svizzere informazioni su migliaia di rapporti finanziari. Sospetti di evasione fiscale

CREDIT-SUISSE

Andrea Telara

-

Nell’autunno scorso, quando Credit Suisse ha versato una multa di oltre 8 milioni di euro più un altro centinaio di milioni all’Agenzia delle  Entrate, la vicenda sembrava chiusa una volta per tutte. Ma adesso la Guardia di Finanza e il Nucleo di Polizia Tributaria, coordinato dalla Procura di Milano, vogliono vederci ancora più chiaro. Per questo, hanno inviato una richiesta di informazioni alle autorità svizzere su quasi 10mila conti e posizioni finanziarie (per la precisione 9.953) aperti presso il Credit Suisse.

LEGGI ANCHE: La Voluntary Disclosure e i soldi in Svizzera

Non si tratta, è bene precisarlo, della filiale italiana del noto gruppo svizzero (che finora non è stata mai indagata in questa vicenda), ma  della casamadre con sede a Zurigo, la Credit Suisse Ag. Nello specifico, l’autorità giudiziaria italiana ha chiesto alla Svizzera una gran mole di dati, per verificare appunto cosa c’è dietro  quelle migliaia di conti e rapporti finanziari che stanno oltreconfine. Il sospetto è ovviamente che ci siano dietro operazioni di esportazione illecita dei capitali e di evasione fiscale, l’ennesima aldilà delle Alpi


La maxi-inchiesta del 2014


Una cosa ancora non chiara completamente è però come si lega quest’ultima indagine alla precedente maxi-inchiesta che ha visto coinvolto il Credit Suisse tra il 2014 e il 2016. In quell’occasione è stato accertato che la casamadre del gruppo elvetico era coinvolta in un giro di esportazione dei capitali, a opera di 13mila presunti evasori che hanno portato all’estero la bellezza di 14 miliardi di euro, attraverso delle polizze assicurative di diritto straniero. Fino ad ora, quell’inchiesta ha fatto emergere quasi 3.300 posizioni finanziarie all’estero e ha consentito di recuperare 173 milioni di euro di imposte.



Adesso, però, altre indagini si aggiungono a quelle vecchie e quasi 10mila conti all’estero sono entrati di nuovo nel mirino. Magari non tutti appartengono a evasori fiscali ma una cosa sembra certa:  ci sono migliaia di nostri connazionali con i soldi in Svizzera che non dormono proprio  sonni tranquilli.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Evasione fiscale: perché Credit Suisse ha ammesso la sua colpa

Per decenni ha conspevolmente aiutato i clienti a evadere il fisco americano. Ora accetta di pagare una multa di 2,6 miliardi: un salasso sopportabile per il budget del grande istituto sveizzero

Ing, Gina Reinhart, Credit Suisse, Zynga. Le quattro notizie per il weekend

Sono curiosità e hanno tenuto banco sulla stampa estera

Voluntary disclosure, ecco come sarà la nuova versione

Oltre a far emergere capitali detenuti all’estero, la nuova norma punterebbe a far dichiarare anche ricchezze nascoste in Italia

Voluntary disclosure: perché il termine è slittato di due mesi

C'è tempo fino al 30 novembre. Con la proroga il governo stima un gettito di 3 miliardi e blocca l'aumento automatico delle accise sulla benzina

Voluntary disclosure, perché i commercialisti chiedono più tempo

L’Agenzia delle entrate potrebbe prorogare il termine per il rientro dei capitali, fissato per ora al 30 settembre

Capitali all'estero: come e chi può aderire alla voluntary disclosure

Ecco i chiarimenti del Fisco per i contribuenti che hanno nascosto i soldi fuori confine e sono interessati a rimettersi in regola

Voluntary Disclosure, più che uno scudo uno scudetto. Invece serve uno shock svizzero

La tecnica è conosciuta.

Campagna politica e mediatica per far credere che veramente stavolta i paradisi fiscali abbiano le ore contate, per spaventare chi abbia soldi all’estero mai dichiarati nel modello RW del modello unico/730 per poi proporgli una soluzione …

Commenti