Tasse

Condono cartelle: ecco come funziona il “saldo e stralcio”

L’Agenzia delle entrate ha predisposto un modello ad hoc per le richieste. Si potrà pagare in un’unica soluzione o in 5 rate

Agenzia entrate

Giuseppe Cordasco

-

Comincia ad assumere contorni sempre più chiari quella parte del condono fiscale, contenuta nella manovra appena approvata dal Parlamento, che va sotto il nome di “saldo e stralcio”.

Una denominazione, quest’ultima, neanche tanto giornalistica come si potrebbe pensare, se si considera che il modello che l’Agenzia delle entrate ha approntato e che i contribuenti interessati dovranno compilare per poter aderire allo sconto fiscale previsto, si chiama “Sa–St”, ovvero proprio gli acronimi di saldo e stralcio.

Ma andiamo per ordine, e cerchiamo di capire innanzitutto a chi si rivolge questa parte del condono e quale sarà la procedura da seguire per poterne usufruire.

Chi potrà beneficiarne

Cominciamo con il dire che la sanatoria in questione riguarda gli omessi pagamenti di tasse e contributi previdenziali, che siano stati causati da oggettive difficoltà economiche del contribuente debitore.

La manovra prevede dunque che chi è appunto in difficoltà economica, e ha dichiarato un Isee non superiore ai 20mila euro, potrà ottenere, come detto, il cosiddetto stralcio delle cartelle per omessi versamenti di tasse o contributi tra il 2000 e il 2017 pagando con tre diverse percentuali.

La prima sarà del 16% con un Isee entro gli 8.500 euro, la seconda con un’aliquota al 20% e con un Isee fino a 12.500 euro. E infine una terza categoria che potrà saldare i propri conti con l’erario versando il 35% del dovuto (sanzioni, interessi e quota capitale), se in possesso, come già anticipato, di un Isee fino a 20mila euro.

Come e quando si paga

È fondamentale specificare che il debito potrà essere pagato senza sanzioni e interessi, in un'unica soluzione, entro il 30 novembre del 2019. In alternativa sarà possibile saldare il proprio conto con il fisco in 5 rate, con un interesse annuo del 2% a decorrere dal 1° dicembre 2019.

In questa seconda ipotesi bisognerà rispettare un calendario di versamenti che avrà le seguenti scadenze: 35% del totale dovuto entro il 30 novembre 2019, il 20% entro il 31 marzo 2020, il 15% entro il 31 luglio 2020, il 15% entro il 31 marzo 2021 e il restante 15% entro il 31 luglio 2021.

Vademecum per la corretta presentazione

Come già evidenziato, l’Agenzia delle entrate ha predisposto, per questo tipo di condono, un modello ad hoc denominato Sa-St. Quest’ultimo andrà presentato entro il 30 aprile 2019 ed è disponibile, oltre che sul sito www.agenziaentrateriscossione.gov.it, anche presso gli sportelli dell’agenzia stessa.

Il modello, opportunamente compilato, dovrà essere inviato tramite Pec all’Agenzia delle entrate, anche se per i contribuenti meno avvezzi all’uso dell’e-mail sarà riservata comunque la possibilità di consegnare a mano la domanda presso gli sportelli dell’agenzia, con modalità che però sono ancora da definire.

Importante infine ricordare che entro il 31 ottobre 2019 l’agenzia comunicherà al contribuente l'ammontare delle somme dovute e le scadenze delle rate oppure, in mancanza dei requisiti per il “saldo e stralcio”, gli importi dovuti calcolati invece secondo la cosiddetta rottamazione-ter.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Quando Di Maio diceva: 'Se trovate una mia proposta di legge di condono su Ischia mi iscrivo al Pd' | video

Condono fiscale, ecco cosa prevede la nuova manovra

Dopo una trattativa molto dura tra Lega e M5S, via libera alla rottamazione ter e allo stralcio delle cartelle sotto i mille euro

Condono tombale fino a 1000 euro, ecco come funzionerà

L’ultima ipotesi sulla pace fiscale, prevede che le cartelle di piccola entità vengano estinte senza il pagamento di sanzioni e interessi

Condono fiscale proposto da Salvini: ecco a chi conviene

Tutti i contribuenti con cartelle esattoriali sotto i 100mila euro potrebbero essere interessati a questa nuova sanatoria

Commenti