La classifica dei paesi europei dove le tasse pesano di più

Secondo i dati Eurostat nel 2012 il peso del fisco sul pil è aumentato al 39,4% medio. L'Italia è seconda solo dopo l'Ungheria con un pesante 44%

– Credits: iStock

Redazione

-

Il peso del fisco sul Pil europeo è aumentato nel 2012 al 39,4%, e l'Italia si colloca al secondo posto (dopo l'Ungheria) fra i paesi in cui la quota è piu' alta, pari al 44%. È quanto risulta dai dati diffusi oggi da Eurostat, sulla base dell'ultimo rapporto sul trattamento fiscale nei paesi europei. La principale fonte dei redditi fiscali dei governi si conferma essere la tassazione sul lavoro (51%) seguita dai consumi (28,5%) e dalle tasse sul capitale (20,8%).

La tassazione più elevata sul lavoro si registra in Svezia (58,6%), Olanda (57,5%), Austria (57,4%) e Germania (56,6%). In Italia, sempre nel 2012, era al 51,1%. Tassi sotto il 40% si vedono solo in Bulgaria (32,9%), Malta (34,6%), Cipro (37,1%) e Regno Unito (38,9%).

Per quanto riguarda le tasse sui consumi, in Italia sono tra le piu' basse d'Europa: 24,7% come in Francia, più basse solo in Belgio al 23,7%.

Le più elevate tasse sul capitale, fonte di gettito molto bassa tra i 28 Stati europei, si trovano in Lussemburgo (27,5%), Regno Unito (27,4%), Malta (26,6%) e Cipro (26,1%). In Italia sono al 24,2%.

(ANSA)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Tutte le tasse del 16 giugno

Imu, Tasi, Ires, Irpef per un totale di 54,5 miliardi di euro a carico di famiglie e imprese: importi, scadenze, sanzioni in una giornata da dimenticare per i contribuenti

Evasione all'estero: le cinque novità della procedura di emersione

Torna la voluntary disclosure che prevede sconti e coperture penali per chi decide di dichiarare i capitali nascosti fuori confine

Nel 2014 200 euro di tasse in più

Panorama in edicola domani 22 maggio pubblica un'indagine della Cgia di Mestre rivolta alle famiglie che non usufruiscono degli 80 euro mensili

Commenti