Tasse

Bonus ristrutturazioni 2018: le novità e come fare per ottenerli

Confermata anche per quest’anno la detrazione Irpef del 50%. Online la guida pratica alle agevolazioni dell’Agenzia delle entrate

ristrutturazioni

Giuseppe Cordasco

-

La legge di stabilità 2018 non solo ha confermato i bonus sulle ristrutturazioni ma ha anche introdotte una serie di novità che in molti casi ampliano le possibilità di ottenere le agevolazioni fiscali previste.

Per fare chiarezza su un argomento così delicato per milioni di contribuenti interessati ad ottenere questi benefici economici, l’Agenzia delle entrate ha deciso di pubblicare online una guida pratica a tutti i tipi di bonus edili.

Si tratta di un utile vademecum di una quarantina di pagine, all’interno del quale sono chiariti tutti i dettagli relativi ai bonus e alle varie casistiche che permettono o meno di ottenerli. Ma vediamo in breve quali sono le novità più importanti introdotte da quest’anno con la nuova legge di bilancio.

L’impianto fondamentale

Innanzitutto è bene ricordare che  la legge di bilancio 2018 (legge n. 205 del 27 dicembre 2017) ha prolungato di un altro anno, ossia fino al 31 dicembre 2018, la possibilità di usufruire, per le spese di ristrutturazione edilizie, della maggiore detrazione Irpef (50%), con un limite massimo di spesa fissato a quota 96mila euro per ciascuna unità immobiliare.

Salvo che non intervenga una nuova proroga invece, dal primo gennaio 2019 la detrazione tornerà alla misura ordinaria del 36% e con il limite di spesa per ogni abitazione abbassato a 48mila euro.

Comunicazione all’Enea

Cominciamo ora con l’evidenziare alcune delle principali novità introdotte dalla legge di bilancio 2018 in concomitanza con la conferma dei vecchi bonus.

Il primo elemento da tenere bene a mente è che da quest’anno è stato introdotto l’obbligo di trasmettere all’Enea le informazioni sui lavori effettuati, analogamente a quanto già previsto per i lavori di riqualificazione energetica degli edifici.

Questa nuova comunicazione è necessaria per monitorare e valutare il risparmio energetico conseguito con la realizzazione degli interventi di recupero edilizio.

Box e posti auto

È bene precisare poi che la detrazione Irpef per le ristrutturazioni edilizie spetta nella stessa misura e con le stesse regole anche per l’acquisto o la realizzazione di box o posti auto pertinenziali, ossia di pertinenza di una specifica unità abitativa.

In particolare l’agevolazione è riconosciuta per l’acquisto di box e posti auto pertinenziali già realizzati (solo per le spese imputabili alla loro realizzazione), o per la costruzione di autorimesse o posti auto, anche a proprietà comune, purché vi sia sempre uno specifico vincolo di pertinenzialità con un’unità immobiliare abitativa.

Nuovi beneficiari

Dal 2018 poi, tra i beneficiari dell'agevolazione sono inclusi anche gli istituti autonomi per le case popolari e i soggetti con finalità analoghe, tra cui le cooperative di abitazione a proprietà indivisa, purché gli interventi di ristrutturazione siano realizzati su immobili adibiti ad edilizia residenziale pubblica o, se si tratta di cooperative a proprietà indivisa, assegnati in godimento ai soci.

Immobili già ristrutturati

È prorogata inoltre sempre fino 31 dicembre 2018 anche l'agevolazione per l'acquisto o l'assegnazione di immobili già ristrutturati.

La detrazione spetta quando gli interventi di ristrutturazione hanno riguardato interi fabbricati e sono stati eseguiti da imprese di costruzione o ristrutturazione immobiliare e da cooperative edilizie che, entro 18 mesi, dalla data del termine dei lavori, vendono o assegnano l'immobile.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Bonus mobili 2017, tutte le novità

L’Agenzia delle entrate ha chiarito che l’agevolazione sarà valida anche per lavori di ristrutturazione eseguiti quest’anno

Bonus Bebè, perché serve a poco

Rinnovato il contributo di 80 euro al mese per le neo-mamme, che scenderà a 40 euro nel 2019. Ma le nascite continuano a calare

Librerie, come funziona il nuovo bonus fiscale

Previsto un credito di imposta su Imu, Tasi, Tari e sull'eventuale affitto, fino a un massimo di 20mila euro

Bonus di 80 euro, perché in molti rischiano di perderlo

I rinnovi contrattuali e i conseguenti aumenti in busta paga possono vanificare lo sconto fiscale introdotto nel 2014 dal Governo Renzi

Bonus stadi: come funziona l'agevolazione per le società di calcio

Per la ristrutturazione degli impianti sportivi, pronto un credito d’imposta del 12% fino a un massimo di 25mila euro di spesa

Bonus università, ecco chi pagherà meno tasse

Al via le agevolazioni per le matricole con Isee fino a 13mila euro e anche per chi prosegue con merito gli studi

Bonus asilo nido 2017, tutto quello che c’è da sapere

Scatta oggi la corsa al beneficio che non è condizionato a nessun reddito e può contare su un budget complessivo di 144 milioni

Ristrutturazioni, ecco le nuove agevolazioni per il risparmio energetico

La legge di stabilità ha allargato il novero dei lavori ammessi al beneficio fiscale, includendo anche biomasse e schermature solari

Commenti