730 precompilato, esordio con poche luci e tante ombre

L’Agenzia delle entrate ha comunicato i primi dati ufficiali sulle nuove dichiarazioni, tra le perplessità di Caf e commercialisti

Rossella_Orlandi

Rossella Orlandi, direttore dell'Agenzia delle entrate – Credits: Imagoeconomica

Giuseppe Cordasco

-

A circa 24 ore dalla scadenza dei termini per l’invio del nuovo 730 precompilato, l’Agenzia delle entrate ha comunicato i primi dati ufficiali su un’operazione che va in archivio con luci e ombre. Da una parte infatti c’è sicuramente il dato positivo riguardante le circa 16,6 milioni di dichiarazioni che sono state rispedite a fronte delle 20 milioni predisposte. Questo significa che tutto sommato i tanti lavoratori dipendenti e pensionati interessati dalla nuova formula di dichiarazione hanno deciso se non altro di scaricare e utilizzare i modelli preconfezionati dall’Agenzia. Di quelli effettivamente riconsegnati poi, sempre secondo i dati forniti dal direttore dell’Agenzia Rossella Orlandi, circa 14,4 milioni sono stati inviati dai Caf e 1,4 da privati cittadini.

730 precompilato: dieci cose da sapere


Fin qui tutto bene verrebbe da dire, manca però quello che dovrebbe essere il dato più rilevante, ossia: quanti dei modelli rispediti al fisco sono stati accettati senza modifiche e su quanti invece Caf e commercialisti sono stati costretti ad intervenire non per aggiungere detrazioni non calcolate, ma soprattutto per correggere errori di compilazione da imputare alle stesse banche dati del fisco? Su questa questione, se si interroga l’Agenzia delle entrate non si ottengono ancora risposte. I tempi sarebbero ancora prematuri, visto che solo ora i milioni di moduli giunti dovranno essere effettivamente esaminati dall’Agenzia e solo allora si potranno avere risposte più significative. Intanto però, se si chiede conto della cosa ai Caf si ottengono risposte molto significative.

730 precompilato, i cinque problemi per cui potrebbe essere un bluff


In uno dei centri che abbiamo sentito ad esempio, confermano di non aver rispedito nessun 730 precompilato senza apportare modifiche. E quando si chiede di che tipo siano stati i “ritocchi”, sorridendo l’addetto risponde che il più delle volte si è trattato di correggere errori di compilazione del fisco. “In un caso – ci dice il responsabile di un Caf di Roma che preferisce l’anonimato – sono riusciti a sbagliare la dichiarazione di un nucleo familiare che da trent’anni ha la stessa posizione fiscale: due redditi da lavorio dipendente e due case di proprietà. C’è da chiedersi davvero quali dati siano registrati nei cervelloni elettronici del fisco se poi al dunque i numeri che vengono dati risultano sbagliati”. Una situazione questa che si ripete analoga in altri centri che abbiamo visitato. In particolare in un altro Caf, un dipendente confessa senza remore, di aver invitato propri clienti a presentare in via privata il 730 precompilato, accettandolo senza modifiche, in presenza di errori che prevedevano un vantaggio per il contribuente.

730 precompilato, come evitare gli errori


“In questi casi infatti – chiarisce l’addetto – noi del Caf saremmo comunque tenuti a correggere l’errore. Nel caso invece il privato accetta la dichiarazione sbagliata e la riconsegna direttamente, il fisco non può prendersela con nessuno, se non con se stesso”. Insomma luci, ma soprattutto tante ombre, con l’unica consolazione legata al fatto che si trattava di un esordio, e forse i tanti errori rilevati quest’anno, e che hanno costretto i Caf a chiedere un rinvio della scadenza di consegna di addirittura un paio di settimane, potranno in futuro essere corretti. Ma affinché ciò accada ci sarà bisogno che l’Agenzia delle entrate prenda atto delle disfunzioni avvenute quest’anno, e provveda anche a un serio riordino dei dati attualmente contenuti nelle proprie banche dati. Solo così il 730 precompilato potrà avere quel successo che tutti i cittadini si augurano, visto che in effetti potrebbe trattarsi di una piccola grande rivoluzione nella logica di un rapporto sempre più efficiente tra contribuenti e fisco.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

730 precompilato, tutte le spese da integrare

L’Agenzia delle entrate, con una circolare ad hoc, ha chiarito ogni dubbio su tutte le voci che si possono detrarre

Ecco come si invia il 730 precompilato

Dal primo maggio via libera alla riconsegna delle dichiarazioni dei redditi, con le integrazioni, ove necessarie

730 precompilato, ecco chi paga in caso di errori

L’Agenzia delle entrate ha chiarito le situazioni in cui le responsabilità ricadranno su Caf e commercialisti

730 precompilato, la data di consegna slitta per tutti al 23 luglio

Dopo Caf e commercialisti, anche per i contribuenti privati ci sarà più tempo per inviare la nuova dichiarazione dei redditi

Commenti