Economia

Sussidi alla povertà, perché il Reddito di Inclusione non basta

Con il Def il governo stanzia 2 miliardi per dare un sostegno alle famiglie meno abbienti. Ma occorrerebbe stanziare più del doppio

povertà-senza-tetto

Andrea Telara

-

Poco più di 1 miliardo quest'anno e 2 miliardi di euro nel 2018. Si tratta dei soldi che il governo Gentiloni, con l'approvazione del Documento di Economia e Finanza, ha intenzione di stanziare per il Rei (reddito d'inclusione), il nuovo sussidio destinato alla popolazione meno abbiente nato con il disegno di legge contro la povertà.


Leggi anche: Cos'è il Rei e chi ne ha diritto

Leggi anche: Oltre il Pil, con il Def arriva l'indicatore di benessere

Leggi anche: Def, tutte le incognite della manovra

Leggi anche: come funziona il sussidio ai più poveri


A beneficiare di questo sostegno, che può arrivare sino a quasi 500 euro al mese, dovrebbero essere 600mila famiglie, per un totale di circa 2 milioni di persone. Purtroppo, però, i cittadini sotto la soglia di povertà in Italia sono più del doppio, circa 4,6 milioni. Per assisterli tutti, dunque, occorrerebbe stanziare quasi 5 miliardi di euro o addirittura 7 miliardi. Quest'ultima cifra era contenuta anche nelle stime che accompagnavano il progetto di istituzione su scala nazionale del Sia (sostegno per l'inclusione attiva), un sussidio molto simile a Rei, che è stato sperimentato negli anni scorsi nelle grandi città italiane.


Corsie preferenziali
Visto che i soldi a disposizione sono pochi, dunque, nell'erogare il Reddito d'Inclusione il governo dovrà usare per forza due pesi e due misure, dando la precedenza ai disoccupati con più di 55 anni di età e alle famiglie con figli minori. Nonostante questo restringimento della cerchia dei beneficiari del Rei, però, i conti continuano a non quadrare. Secondo i calcoli effettuati dall'economista Massimo Baldini, editorialista de Lavoce.info, le famiglie italiane povere e con almeno un figlio minore sono in totale 800mila, corrispondenti a quasi 3 milioni di persone. Per dare un sussidio a tutti loro, occorrerebbe stanziare almeno 2,8 miliardi di euro. Secondo Baldini, tuttavia, l'istituzione del Rei rappresenta comunque un buon inizio, poiché è un primo passo verso l'istituzione anche nel nostro Paese di un reddito minimo garantito su base universale. Resta il fatto, tuttavia, che i soldi messi sul piatto dal governo contro la povertà sono ancora pochi, almeno per adesso.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Il Def 2017 spiegato

Tra Iva, tagli al cuneo fiscale e privatizzazioni via libera al Documento di Economia e Finanza del governo Gentiloni

Reddito di inclusione per poveri: spiegato

A chi si rivolge, come è composto l'assegno e i servizi sociali, i controlli previsti: tutto quello che c'è da sapere

Commenti