Chi sono i dodici guru di Wall Street

Azzeccano le previsioni e aprono nuove prospettive: ecco gli esperti della finanza da tenere d’occhio

Trader al lavoro alla New York Stock Exchange (Spencer Platt/Getty Images)

Stefania Medetti

-

Business Insider incorona  le dodici menti più brillanti della finanza, quelle da tenere d’occhio, insomma, per capire in anticipo l’aria che tira e la direzione che prenderà il mercato. Fra loro, c’è David Woo, head of global rates & currencies research presso Bank of America Merrill Lynch. Il suo punto di vista sullo scenario allargato è caratterizzato dalla cautela . Adesso, per esempio, non si unisce al coro degli ottimisti per la ripresa dell’economia americana nel breve termine. Nonostante ciò, Woo è convinto che se l’economia dovesse ricominciare a macinare, l’euro sarebbe il più fortunato beneficiario. 

Edward Morse, global head of commodities research per Citi, già professore a Princeton e membro del Dipartimento di Stato è considerato un esperto dell’industria del petrolio dove ha lavorato prima di approdare a Wall Street. Profondo conoscitore del mercato dell’oro nero ha recentemente etichettato come “finito” il superciclo delle commodities . A questo proposito, sempre nel settore dell’energia, Jeffrey Currie, head of commodities research in Goldman Sachs prevede per il gas naturale  un futuro di risorsa rifugio

Jen Hatzius, chief economist di Golman Sachs, si è guadagnato il rispetto di Wall Street dopo aver previsto la crisi nel 2007 e il rallentamento dell’economia del 2010. Oggi, Hatzius è fra gli ottimisti  e prevede una ripresa nella seconda parte dell’anno, anche se la debolezza degli ultimi dati ha reso le sue attese più moderate. Jeff Gundlach è un astro emergente degli hedge fund. Dopo esser stato licenziato da Twc nel 2009, ha dato vita a DoubleLine , dove lo hanno già raggiunto diversi colleghi. Gundlach ha visto giusto su Apple, sul fatto di comprare al Nikkei. Il suo ultimo messaggio è, ancora, un invito a comprare : “Non credo che otterremo un rendimento più elevato fra adesso e la fine dell’anno”. 

Fra i manager dei fondi di investimento di maggior successo, c’è Ray Dalio: la sua Bridgewater Associates  conta beni per 150 miliardi di dollari. Per il 2013, dal palcoscenico di Davos, ha previsto un anno di transizione , con una grande quantità di fondi che passerà dalle azioni a beni, servizi e prodotti finanziari. David Bianco, chief Us equity strategy di Deutsche Bank, avverte invece che la prossima variazione del 5%  per S&P 500 sarà verso il basso. Anche David Rosenberg, chief economist and strategist di Gluskin Sheff, è piuttosto un ribassista in questo periodo. Considerato che la sua previsione sui tassi di interesse sotto al 2% si è rivelata azzeccata, ha buone chance di non smentirsi nemmeno questa volta. 

Di Howard Marks, co-fondatore e presidente di Oaktree Capital Management, Warren Buffett scrive che le sue mail sono le prime che apre, quando le vede nella propria casella della posta. E il suo ultimo saggio sulle sfide quotidiane per gli investitori ha ottenuto recensioni positive  a tutti i livelli. Per il periodo contingente, nel corso di una conferenza intitolata “Investire in tempi incerti ”, Marks suggerisce cautela anche quando si parla di ripresa: “Bisogna fare attenzione all’effettivo ritmo della ripresa”, osserva. Per Drew Matus, senior US economist di Ubs, la cosa più preoccupante, al momento, è la quantità crescente di obbligazioni  nelle mani della Federal Reserve. Michael Hartnett, chief investment strategist di BofA Merrill Lynch mette in guardia contro il collasso dei fondi obbligazionari . Nelle ultime 26 settimane, 178 miliardi di dollari sono passati negli equity funds. 

Infine, fra i guru c’è anche chi ha annunciato l’uscita di scena: Gerard Minack, infatti, lascia poltrona di head of global developed markets strategy in Morgan Stanley. Il manager ha salutato sottolineando come, a differenza di altri settori, quando si tratta di investimenti, anche un profano può battere gli esperti sul breve periodo. Ma ha ricordato anche come sono i consigli degli esperti quelli che permettono di non fallire sul lungo termine.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Le cinque previsioni sbagliate del 2012

Dalla Cina all'uscita di un Paese dall'Eurozona, al pil europeo e americano

Commenti