Spiagge low cost: le soluzioni per una vacanza anti - crisi

Oltre a quelle libere, occhio alle promozioni negli stabilimenti: ingressi a tempo, formule 3x2 per i lettini e rimborsi in caso di pioggia

Uno stabilimento balneare a Capalbio in Toscana (Mistrulli Luigi / Imagoeconomica)

Massimo Morici

-

Nonostante Federconsumatori stimi un andamento stabile dei costi per i servizi balneari, e solo qualche lievissima diminuzione (l’unico calo significativo quest’anno è la sdraio: -5%), non mancano certo in tempi di crisi le occasioni per permettersi una vacanza in spiaggia con un occhio al portafoglio.

Per spendere di meno, infatti, bisogna cogliere al volo le promozioni fantasiose, a cui ricorrono sempre più spesso i bagnini per attirare i turisti.

Poi, c'è la spiaggia libera: certo i chilometri di costa occupata dagli stabilimenti in Italia sono circa 900, ma di quella gratuita e balneabile ce n’è per 4.100, e cioè quattro volte di più.

Ecco, quindi, una serie di consigli per tutti i gusti.

Come abbattere i costi del lettino in sette mosse
Durante gli scorsi anni i bagnini hanno lanciato tariffe speciali per gruppi e per over 60, organizzato happy hour al mare con tariffe promozionali per chi si reca in spiaggia nelle ore "meno battute" (in genere dopo le 14 - 15) o promozioni all’insegna dell’ambiente, con sconti per chi raggiunge la spiaggia in treno o in pullman.

Quest'anno, invece, sono sette le novità che permettono di risparmiare oltre il 50% in spiaggia (prezzi medi in Italia calcolati da Federconsumatori): l’ombrellone condiviso tra più famiglie (5,50 euro a famiglia e basta solo concordarsi sui turni); la cabina "in condominio" (divisa tra più famiglie); il rimborso del costo di ombrellone e lettino in caso di pioggia improvvisa; per i mattinieri, gli sconti destinati ai primi 20 clienti della giornata; la formula 3x2 per i lettini (27 euro); gli ingressi a tempo (20 euro per 10 ore a piacimento nell’arco di una settimana); l’abbonamento settimanale che in alcuni casi dà diritto ad un ulteriore weekend gratis (112 euro).

Ombrellone gratis per pensionati
In Toscana dal lunedì al venerdì in 30 stabilimenti del litorale pisano i pensionati possono entrare gratuitamente. L'iniziativa, però, è valida solo per i residenti di nove comuni della provincia di Pisa che abbiano superato i 65 anni e con un reddito inferiore a 20.000 euro.

Romagna, spiagge a costo zero
Anche in Riviera non mancano le spiagge libere. Tra le più note, come segnalato in un servizio di alcune settimane fa pubblicato da il Resto del Carlino, si segnalano i seguenti tratti: quello tra i bagni Oba Oba e Benito a Cervia (spesso molto affollata), quello vicino ai bagni Dolce Vita a Marina di Ravenna (molto vasta e selvaggia), mentre dai bagni Gogo al fosso Ghiaia a Lido di Classe (Ravenna) si contano ben quattro chilometri di spiaggia libera.

A Riccione il tratto libero più in voga, invece, è quello in fondo a viale Ceccarini (molto affollato), mentre a Cesenatico quello vicino al grattacielo.

Le 10 spiagge libere più belle d’Italia
In ultimo, non si possono non menzionare le dieci spiagge libere più celebri della Penisola.

Eccole: Spiaggia di Riomaggiore, Vernazza, Monterosso al Mare nelle Cinque Terre in Liguria; Cala Violina (vicino Punta Ala) in Toscana; Spiaggia delle Due Sorelle al Conero nelle Marche; Baia di Porto Selvaggio a Nardò in Puglia; Spiaggia del Buon Dormire a Palinuro in Campania; San Vito Lo Capo e Spiaggia di Vendicari (Noto) in Sicilia; Cala Luna, Cala Sisine e Chia in Sardegna.

LEGGI I CONSIGLI DI PANORAMA.IT PER CONSUMARE E SPENDERE MENO

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Viaggiare low cost: 7 siti indispensabili

Per risparmiare (sul serio) in tempi di crisi

Commenti