Soldi

Se Amazon, Facebook e Google diventano banche

I grandi big dell’era di internet si attrezzano per vendere prodotti finanziari, aprendo le porte a una nuova rivoluzione

WEB E TECH,IN 2013 SARA' LOTTA APPLE,GOOGLE,FB E AMAZON

Andrea Telara

-

Altro che banche, sim, case d’investimento e mediatori creditizi. Nel settore finanziario i big del futuro potrebbero essere le aziende che oggi dominano già la rete di internet e il comparto tecnologico: Google, Amazon, Facebook e Apple, che i consulenti d’impresa identificano con la sigla Gafa e che da tempo meditano di allargare il proprio business in campi oggi dominati per lo più dalle banche e dalle case d’investimento.

Patto tra big 

Ha fatto notizia il recente accordo siglato dal colosso del commercio elettronico Amazon con il gruppo finanziario Bank of America- Merrill Lynch per offrire congiuntamente prestiti e finanziamenti. Questa alleanza rappresenta però soltanto una piccola tappa di un lungo percorso già iniziato da tempo e che probabilmente porterà molto lontano, verso una profonda trasformazione dell’industria del risparmio e del credito.

Come ricorda il Sole 24Ore, già dal 2011 il gruppo dell’e-commerce fondato da Jeff Bezos offre finanziamenti alle aziende che fanno vendite online sulla sua piattaforma, attraverso un servizio che si chiama Amazon Lending. Ora, dopo l’accordo con un gruppo finanziario del calibro Bank of America-Merrill Lynch, questo business rimasto marginale nell’offerta di Amazon sembra destinato a crescere come un fiume in piena.

Il business dei pagamenti

Ma anche altri colossi della rete si stanno muovendo nella stessa direzione. Proprio poche settimane fa il social network più grande del mondo, Facebook, ha chiesto una licenza bancaria in Irlanda, con l’obiettivo di offrire poi in tutta Europa servizi di pagamento attraverso la propria piattaforma.

Stesso discorso per Apple e Google. Anche loro hanno scelto il business dei pagamenti elettronici (con i servizi Apple Pay e Pay with Google) per iniziare a esplorare il settore dei servizi finanziari. E’ difficile però che il loro raggio di azione resti circoscritto alle sole transazioni elettroniche. I big di internet, compresi quelli che operano in Cina come Baidu e Alibaba, hanno infatti un vantaggio competitivo invidiabile: hanno già conquistato miliardi di utenti in tutto il mondo su cui hanno raccolto una miriade di dati, riguardo alle loro abitudini di vita e di consumo.

Il tesoro dei millennial

Partendo da questa base, per i big del comparto tecnologico non sarà difficile iniziare vendere servizi finanziari, soprattutto quando i cosiddetti millennial, i giovani nati dal 1980 in poi, inizieranno ad avere soldi da spendere e da investire. Gli appartenenti a questa generazione nata e cresciuta nell’era digitale ragionano con logiche ben diverse rispetto ai loro genitori. Quando dovranno scegliere un fornitore di servizi finanziari, i millennial si fideranno molto più delle informazioni che raccolgono sul web che non dei consigli di amici e parenti o del primo istituto di credito che trovano vicino a casa.

Secondo uno studio effettuato lo scorso anno dalla multinazionale della consulenza Accenture, ben il 40% dei millennial è già disposto ad acquistare servizi bancari da aziende come Amazon o Google. Il 36% comprerebbe volentieri una polizza assicurativa mentre il 56% si dichiara addirittura disponibile a ricevere un servizio di consulenza finanziaria. Ma il dato che stupisce di più è che in Italia, dove i risparmiatori sono spesso prudenti e avversi al rischio, la quota di persone che comprerebbe strumenti finanziari dai big di internet è addirittura sopra la media dei paesi industrializzati e varia tra il 46 e il 52% a seconda della categoria di prodotti. Le banche di tutta la Penisola hanno di che preoccuparsi.

Per saperne di più:


© Riproduzione Riservata
tag:

Leggi anche

Con Google Yeti il Chromecast diventa una console

Big G starebbe lavorando a un servizio di streaming con il quale il dock per TV si trasforma in una porta di accesso a migliaia di videogame

Cos'è l’https, e perché Google boccerà i siti che ne sono sprovvisti

Google contrassegnerà come “insicuri” i siti senza crittografia che transitano su Chrome. Cosa fare per mettersi in regola

Ex dipendenti Facebook e Google contro la dipendenza tecnologica

Lanciano la campagna "Truth About Tech". Sotto accusa la connettività costante, che potrebbe minare "lo sviluppo sociale e cognitivo dei bambini"

Google contro Uber, le cose da sapere sul processo tech dell'anno

Tutti i dettagli, temi e valori alla sbarra nella causa miliardaria intentata da Waymo di Alphabet contro la app che sfida i taxi

Come usare Google per cercare lavoro nel 2018

Ecco i trucchi e i segreti per cambiare azienda con l’aiuto degli algoritmi di Mountain View

Come Amazon vuole competere con Google e Facebook

L’offerta di spazi pubblicitari continua a cresce e il gigante di Seattle è oggi il quarto player del settore

Intelligenza artificiale: perché Google batte tutti

La competizione per l’apprendimento automatico è già partita e riscriverà molte regole del business

I personaggi del 2017 secondo Google

Chi sono e perché in Italia sono stati i più cliccati sul motore di ricerca

Facebook rischia di diventare un social per vecchi

Troppi adulti (ficcanaso) allontanano i ragazzi: “è come una imbarazzante cena di famiglia”. Per recuperare però Zuckerberg ha Instagram

I programmi politici? Si confrontano su Facebook

Il social network lancia Punti di Vista, una pagina che mette a confronto i principali schieramenti politici sui temi caldi della campagna elettorale

Perché Facebook vuole conoscere il nostro livello di ricchezza

Stimare la classe sociale degli utenti migliorerebbe la profilazione. E dunque anche la vendita di spazi pubblicitari

Messenger Kids: perché dare Facebook ai bambini non è una buona idea

I minori di 13 anni non sono pronti per un profilo social: cosa dice la lettera inviata da un gruppo di esperti d'infanzia a Mark Zuckerberg

Così Facebook ci avviserà delle bufale in campagna elettorale

Come funziona il sistema di fact cheking che il social network ha introdotto per smascherare le fake news in vista delle elezioni tricolori

Cos’è il Flick, la nuova unità di misura inventata da Facebook

Più piccolo di un microsecondo, più grande di un nanosecondo: il nuovo riferimento agevolerà chi lavora sui contenuti audio e video

Il Facebook che vorremmo? Assomiglia un po’ a Instagram

Forse la ricetta per migliorare Facebook passa proprio dagli insegnamenti del social network della fotografia

Commenti