Soldi

Prestiti in ripresa, come scegliere quello migliore

La domanda di credito delle famiglie sta crescendo. Ecco chi permette di indebitarsi al 5-6%

FISCO: TRACCIABILITA' VERSO 5OO EURO, MA A STUDIO SOGLIA 100

Andrea Telara

-

In crescita di oltre l'1,5% su base mensile e dello 0,8% su base annua. E' l'andamento dei prestiti erogati in Italia al settore privato, cioè alle famiglie e alle imprese, secondo i dati diffusi da Bankitalia. Le cifre fanno il paio con quelle divulgate anche da Crif, società specializzata nelle informazioni creditizie, che ha rilevato un incremento dell'8,4% per i prestiti richiesti dalle famiglie italiane nel primo semestre del 2016. I nostri connazionali, insomma, sono tornati a indebitarsi, spesso per finanziare acquisti come l'auto, gli elettrodomestici o i mobili di casa. Non a caso, secondo Crif, a trainare il mercato sono proprio i prestiti finalizzati, cioè quelli che vengono accesi per comprare qualche un bene durevole come appunto la macchina nuova.

Le peggiori banche del 2016 (finora)


A spingere le famiglie a chiedere un finanziamento alle banche e alle finanziarie è soprattutto il basso livello dei tassi d'interesse. Sul mercato, infatti, si trovano in effetti delle offerte di prestito con tassi assai contenuti rispetto a qualche anno fa, a partire dal 5-6% circa su base annua. A proporle, più che le banche, sono in particolare le società specializzate nel credito al consumo o le piattaforme di social lending, cioè i siti web in cui la domanda e l'offerta di credito si incontrano tra loro, con alcuni risparmiatori privati che danno in prestito somme di denaro ad altri privati, negoziando online il tasso d'interesse.


Banche, perché la crisi non è finita


Per riuscire a indebitarsi al 5-6%, dunque, bisogna destreggiarsi un po' tra le migliori offerte di mercato, senza affidarsi a occhi chiusi alla propria banca di fiducia. Per trovare i prestiti più convenienti, è bene aiutarsi con i comparatori PrestitiOnline.it, Facile.it o Segugio.it, siti web che consentono di confrontare via internet (e in pochi secondi) i finanziamenti delle più importanti banche e società di credito al consumo. Per avere in prestito una somma di denaro di 10mila euro da rimborsare in 5 anni e da destinare all'acquisto dell'auto nuova, PrestitiOnline segnala per esempio come prodotto meno costoso il Credito Auto di Findomestic, che ha una rata di 193,56 euro mensile e un taeg (tasso annuo effettivo globale, cioè il tasso che tiene conto anche delle spese accessorie) pari al 6,22% su base annua. Seguono Rataweb di Agos Ducato (rata 193,33 euro e taeg 6,27%), Santander Consumer Bank (taeg 6,33% e rata di 193,33 euro) e Fidiamo di Fiditalia (taeg del 6,4% e rata di 193,79 euro). Sulle pagine di Facile.it, l'offerta più conveniente (sempre per 10mila euro da rimborsare in 5 anni) arriva invece dalla piattaforma di social lending Younited Credit, che ha un taeg del 6,18% e una rata di 189,52 euro.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Banche fallite, rimborsi e arbitrato: le cose da sapere

Gli acquirenti di bond di Banca Etruria, Marche, CariChieti e CariFe avranno indietro non più dell'80% del capitale. Ecco le condizioni per averli

Zaia: "La crisi delle banche venete? Peggio della Prima Guerra mondiale"

Banche in crisi in Veneto: un danno da 11 miliardi

È questa la cifra monstre comunicata dal governatore Zaia a Padova per Panorama d'Italia. "Più dei danni post prima guerra mondiale"

Brexit, le conseguenze sulle banche italiane

Timori sulla tenuta dell'Eurozona e di una nuova recessione: così i titoli sono crollati in borsa dopo il referendum britannico

Le banche italiane: utili privati e perdite pubbliche

23 anni di storia bancaria italiana in pochi passi. Che spiegano come alla fine tra bail in e bail out si sono fatti (troppi) errori

Banche italiane: perché preoccupano gli investitori stranieri

Renzi sotto attacco: non convince l'idea di utilizzare soldi pubblici per salvare gli istituti. Fitch: "Difficile una soluzione con le attuali regole Ue"

Banche italiane, perché l'Economist lancia l'allarme: "Così fate vincere i 5 Stelle"

Senza un intervento del governo che eviti che il disastro si scarichi sui risparmiatori ci sarà una crisi politica. E la fine dell'Euro

Commenti