Soldi

Prestiti in ripresa, come scegliere i migliori

Crescita a due cifre a gennaio per le domande di finanziamenti al consumo. Ecco chi offre i tassi più convenienti

soldi

Andrea Telara

-

Una crescita dell'11%. E' quella registrata a gennaio 2016, in rapporto allo stesso mese del 2015, dalle domande di prestiti al consumo. I dati sono stati diffusi da Crif, società specializzata nelle indagini sul settore creditizio che mette in evidenza come il boom dei finanziamenti potrebbe essere un segnale della ripresa dei consumi nel nostro paese. A trainare l'intero mercato sono stati infatti i prestiti finalizzati (+20% circa in un anno), cioè quelli richiesti solitamente dalle famiglie per l'acquisto dei più comuni beni durevoli, dall'automobile agli elettrodomestici, dagli oggetti di arredamento agli oggetti hi-tech.


Mutui, quando e perché scegliere il tasso fisso


Gli italiani a quanto pare, hanno dunque un po' più fiducia nel futuro e stanno tornando a indebitarsi per fare acquisti. La speranza è che lo facciano in maniera oculata scegliendo i prestiti migliori, visto che oggi non è difficile fare un confronto tra le varie proposte delle banche e delle finanziarie. Una bussola per orientarsi, come sempre, è l'utilizzo dei preventivatori online, cioè i siti web che permettono di selezionare molte tra le offerte di finanziamento presenti sul mercato. Gli indirizzi più cliccati per fare questo tipo di ricerche sono senza Facile.it,Segugio.it, Prestiti.it o PrestitiOnline.it, a cui si sono aggiunti da tempo altri portali come Sostariffe.it e PrestitiSupermarket.


Occhio al taeg

Il più importante elemento da prendere in considerazione, per valutare se un prestito conviene o meno, è l'ammontare del taeg (tasso annuo effettivo globale). Si tratta di un parametro che misura il reale costo del debito tenendo conto, oltre che degli interessi passivi veri e propri, di tutte le voci di spesa accessorie richieste spesso dalle banche e dalle finanziarie, come quelle per le operazioni di istruttoria sui redditi del beneficiario del prestito.


Mutui, prestiti e depositi: chi guadagna e chi perde con i tassi quasi a zero


Nel caso di un finanziamento da 10mila euro rimborsabile in 5 anni e destinato all'acquisto di un'automobile nuova, per esempio, il prodotto più conveniente sui preventivatori online risulta essere in questo momento il Credito Auto di Findomestic che ha un taeg del 6,22% e una rata mensile fissa di circa 193,5 euro, senza alcuna spesa accessoria. Più o meno simili sono le condizioni del prestito personale di Santander Consumer Bank, che richiede ogni mese il pagamento di 193,3 euro ma ha anche delle spese iniziali di 26 euro e un taeg del 6,33%. Seguono a breve distanza il finanziamento Fidiamo proposto da Fiditalia (rata di 193,8 euro e un taeg del 6,4%) e il prestito personale di Cofidis (rata di 196,6 euro e taeg del 6,96%). Infine, per i dipendenti pubblici c'è anche Rata Bassotta, la cessione del quinto dello stipendio di Ibl Banca (rata di 197 euro e taeg del 7,4%).


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Mutui agevolati, ecco come saranno e chi ne beneficerà

Firmata dall'Abi e dalla Cdp una convenzione per dare credito alle giovani coppie e alle famiglie numerose che comprano o ristrutturano la casa. Ma non si sa ancora bene a quali condizioni

Tassi sotto zero, come scegliere i mutui migliori

Il mercato dei finanziamenti per l'acquisto delle abitazioni è tornato a crescere da inizio anno. Se si sceglie un mutuo a tasso variabile si paga una quota di interessi inferiore al 3%

Renzi, i "mutui agevolati" per la casa dei genitori

Un immobile al centro di una girandola di compravendite tra familiari, con prezzi che si gonfiano e prestiti che si accavallano. All’ombra di due amici del premier

Mutui ai giovani e ai precari, pochi vantaggi e molti ostacoli

Come funzionano i finanziamenti garantiti dallo stato e destinati alle categorie disagiate. Per molti italiani, però, resteranno un miraggio

I tre mutui agevolati di Matteo Renzi

Un'inchiesta su Panorama in edicola da domani racconta il rapporto del premier, da privato cittadino, con gli istituti di credito

I tre mutui "facili" del cittadino Renzi

Dal 2004 al 2012, 800 mila euro. Due contratti li ha stipulati lo "zio" bancario. Il terzo l'ha concesso la banca che ha Carrai tra i soci

Banche: mutui raddoppiati nel 2015

Abi: nei primi 11 mesi aumento di quasi il 100%. Surroghe per il 32%. Preferiti i tassi fissi

Mutui e pignoramenti: il Governo valuta di rimettere mano alla norma

Probabile una modifica al decreto Boschi che prevede l'esproprio diretto dopo 7 rate non pagate. Preoccupate le associazioni dei consumatori

Mutui e pignoramenti, come cambierà il decreto Boschi

Tra le novità ci sarà l’aumento da sette a diciotto del numero di rate non pagate dopo le quali scatta l’esproprio della casa da parte della banca

Commenti