Pos obbligatorio, niente sanzioni per chi non si adegua

Professionisti ed esercenti festeggiano il ritiro del ddl che prevedeva multe e sospensione dell’attività per i trasgressori

Pos

– Credits: Imagoeconomica

Giuseppe Cordasco

-

Una precipitosa marcia indietro: è quella che ha dovuto fare il Parlamento in materia di Pos obbligatorio per professionisti ed esercenti, e di sanzioni per quei soggetti che non si fossero adeguati alla nuova normativa. È stato infatti ritirato il disegno di legge n.1747 che appunto, oltre a introdurre l’uso obbligatorio del pagamento con bancomat e carte di credito per alcune categorie professionali, prevedeva anche pesanti sanzioni per gli inadempienti: fino a mille euro di multa e in casi estremi addirittura la sospensione dell’attività professionale. Un dispositivo di legge fortemente criticato soprattutto dagli ordini professionali che in esso vedevano semplicemente un ulteriore aggravio di costi per i propri iscritti.

Obbligo di Pos, ecco perché i professionisti protestano



Contestazioni che erano state in parte accolte dal governo, che aveva deciso di andare incontro a queste richieste prevedendo, in seno alla nuova norma, degli incentivi economici per quei professionisti e quesgli esercenti commerciali che avessero deciso di dotarsi di una postazione Pos. Ebbene, è proprio su questo punto che l’intera struttura della nuova legge è crollata: la Commissione Finanze del Senato, dove il provvedimento era giunto per la sua approvazione, ha dovuto infatti prendere atto della mancanza delle necessarie coperture economiche e dunque ha deciso il ritiro dell’intero ddl. In pratica, nessuno si era preoccupato di stabilire da dove dovessero essere presi i soldi per garantire i citati incentivi. In questo modo dunque, si chiude, almeno per il momento, una querelle che, come detto, aveva visto soprattutto le associazioni di rappresentanza dei professionisti salire sulle barricate.

Professionisti: tutto quello che c’è da sapere per pagare con il bancomat


Si era parlato infatti apertamente di favore alle banche, che con le commissioni previste sui pagamenti tramite bancomat, sarebbero state le uniche a trarre beneficio da questo provvedimento. Certo, resta come al solito l’amara constatazione che nel nostro Paese la certezza del diritto sia un elemento assolutamente aleatorio. Infatti, tutti quei professionisti e quegli esercenti che, in questi mesi in cui comunque si dava per scontata l’introduzione della nuova normativa, si sono affrettati a mettersi in regola, oggi si ritrovano con una vera e propria fregatura: una postazione Pos, con annessi costi, senza più un obbligo in materia e senza, soprattutto, le sanzioni per quei colleghi che invece, forse opportunamente, avevano deciso di attendere gli sviluppi della situazione.

Evasione fiscale: ecco come ridurla premiando gli onesti


In ogni caso, il tema resta aperto e scottante, anche perché il governo sembra aver legato la diffusione dei Pos a una lotta più efficace all’evasione fiscale, e c’è dunque da scommettere che prima o poi tornerà alla carica sulla questione. Da parte loro i professionisti hanno sempre sostenuto che un obbligo in tal senso potrebbe anche essere in futuro accettato, ma a fronte di un azzeramento dei costi di installazione del Pos e di una cospicua riduzione delle commissioni bancarie. Vedremo dunque se in futuro la discussione potrà riaprirsi su queste nuove basi. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lotta all’evasione, come funziona l’accordo Italia-Vaticano

Scambio di informazioni a partire dal 2009 e chi rimpatria i capitali beneficerà dei vantaggi della voluntary disclosure

Tutti i numeri dell'evasione fiscale in Italia

Nel rapporto annuale 2014 della Guardia di Finanza danni per 4,1 miliardi allo Stato, 8 mila evasori totali, appalti illeciti per 1,8 miliardi

Polizze Rc, come si proteggono i professionisti

L'aumento di responsabilità li obbliga a maggiori coperture che riguardano tutti, dai commercialisti ad architetti e geometri

Iva e professionisti: in arrivo nuove regole

Per questa categoria di contribuenti non si applicherà più lo split payment, che prevede il pagamento diretto dell’imposta indiretta da parte della pa

Professionisti, ecco chi non deve pagare l’Irap

Una sentenza della Cassazione stabilisce i limiti entro cui non si può parlare di reddito d’impresa e scatta l’esenzione dall’imposta

Commenti