Soldi

Partite Iva, come funzionerà la nuova scheda carburante

Dal primo luglio si potranno dedurre le spese per benzina e diesel solo pagando con carte elettroniche e facendosi rilasciare fattura dai benzinai

distributore_benzina

Giuseppe Cordasco

-

Quello che si prospetta all’orizzonte in tema di scheda carburante rappresenta una vera e propria rivoluzione per milioni di piccole partite Iva. Dal prossimo primo luglio 2018 infatti, come previsto dalla nuova legge di stabilità, si dovrà dire addio alla citata vecchia scheda carburante, e per poter chiedere la deducibilità delle spese legate alla mobilità su strada, bisognerà seguire invece una procedura completamente diversa.

Vediamo quali sono i passaggi salienti della nuova disciplina, che intende contrastare forme di evasione fiscale, e che rappresenterà un cambio epocale nelle abitudini quotidiane di milioni di lavoratori autonomi.

Pagamenti solo con carta

Le nuove regole, come accennato, prevedono la scomparsa della scheda carburante, quella su cui si annotavano le spese per benzina e diesel, con tanto di timbro e firma del benzinaio e relative indicazioni riguardanti la data e le quantità di carburante erogato.

Una procedura questa che permetteva, e questo è il dato più saliente, il pagamento in contante dei carburanti e non prevedeva il rilascio contestuale di nessuna ricevuta. Ora, tutto ciò non sarà più possibile.

Innanzitutto, per poter chiedere la deducibilità delle spese di trasporto, le milioni di piccole partite Iva attive in Italia, ogni volta che faranno rifornimento, dovranno infatti pagare solo con carte di credito, di debito, oppure con delle prepagate.

Fattura elettronica

Ma i cambiamenti forse più rilevanti, riguarderanno i benzinai. Questi ultimi infatti, innanzitutto dovranno attrezzarsi con postazioni Pos se vorranno fornire il servizio di rifornimento a milioni di lavoratori autonomi. E se questo passaggio per tante pompe è ormai già un dato di fatto, più complicato sarà invece garantire l’ulteriore elemento di novità della legge, ossia la fattura elettronica.

Le partite Iva che vorranno infatti scaricare le spese dei carburanti, dovranno d’ora in poi presentare le relative fatture appunto, così come fanno già per tutte le altre spese legate alla propria attività lavorativa. Coma accennato, si tratta di un cambiamento radicale, e i benzinai, avranno ora solo sei mesi per attrezzarsi in materia.

Il rischio serio infatti è quello di perdere una parte consistente di clientela, visto che le nuove regole potrebbero spingere migliaia di professionisti a non fare più rifornimento di carburante presso pompe che non fossero attrezzate a rilasciare relativa fattura elettronica.

Unica consolazione per i benzinai sarà l’introduzione, sempre dal primo luglio, di un credito d’imposta pari al 50%, del totale delle commissioni addebitate per le transazioni effettuate tramite i sistemi di pagamento elettronico. Il credito d’imposta sarà però utilizzabile solo in compensazione tramite modello F24 e a decorrere dal periodo d’imposta successivo a quello di maturazione.

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Lotta all'evasione, ecco la nuova strategia della Guardia di Finanza

Nel rinnovato Manuale operativo delle Fiamme Gialle le regole d’ingaggio prevedono più attenzione a grande evasione e capitali offshore

Evasione: ecco dove nascondono i soldi 50 multinazionali

Google ha accettato di pagare 300 milioni di euro al Fisco. Non è la sola a custodire montagne di denaro nei paradisi fiscali

Tutti i numeri dell'evasione fiscale in Italia

Ogni anno gli italiani nascondono al Fisco 88 miliardi di euro: è il gap tra le imposte che dovrebbero essere versate e quelle pagate

Italia prima in Europa nell'evasione dell'Iva

E' quanto emerge da un'analisi della Commissione europea sul divario tra le entrate previste e quelle riscosse

Liberi professionisti: come funzionerà l'equo compenso

Per circa 4,5 milioni di lavoratori autonomi stop a prestazioni al massimo ribasso o a pagamenti sotto il minimo. Ma l'Antitrust per ora dice no

Irap, ecco quando i professionisti non pagano

La Cassazione, con due sentenze, ha cercato di chiarire i limiti del concetto di attività autonomamente organizzata

Professionisti, scatta l’obbligo del Pos

Un emendamento alla legge di stabilità prevede che le parcelle si paghino con carte di debito e di credito. Previste sanzioni per chi non si adegua

Commenti