Mutui: da Ing Direct a Deutsche Bank, ecco quelli con la rata più leggera

In Italia, i tassi sui finanziamenti immobiliari sono più alti della media europea. Ma risparmiare si può, confrontando bene l'offerta delle banche

(Credits: Imagoeconomica)

Andrea Telara

-

Circa il 4% all'anno. E' il tasso medio applicato in Italia sui mutui immobiliari : una percentuale che supera di 70 centesimi di punto la media europea (pari al 3,3%%). Quando si indebitano per comprar casa, dunque, i nostri connazionali pagano degli interessi passivi più elevati rispetto a molti altri cittadini del Vecchio Continente: l'1% in più dei finlandesi, dei tedeschi o degli spagnoli, mentre in Francia i tassi sono più o meno vicini a quelli della Penisola.

I MUTUI ITALIANI E IL CARO-RATA

Per un finanziamento da 150mila euro da rimborsare in 25 anni, questa differenza che ci separa dal resto d'Europa si traduce in una rata più pesante di almeno 70-80 euro al mese. Tuttavia, chi accende i mutui meno costosi tra quelli proposti sul mercato, anche in Italia riesce a a risparmiare, pagando dei tassi allineati alla media continentale o addirittura inferiori. Per riuscirci, occorre confrontare bene le offerte delle banche nei due siti d'intermediazione creditizia oggi più cliccati sulla rete di Internet: MutuiOnline e Mutui.it.

TUTTI I RINCARI DEL 2013

In entrambi i portali, si trovano dei prestiti ipotecari con un taeg (tasso annuo effettivo globale) al 3,3%. Si tratta però di finanziamenti a interesse variabile, che espongono al rischio di veder lievitare le rate se il costo del del denaro europeo (oggi inchiodato al minimo storico dello 0,75%) tornasse a salire in futuro. Per un finanziamento da 150mila euro con durata a 25 anni (sottoscritto da un residente a Milano), Mutui.it  segnala come miglior offerta sul mercato il Mutuo Arancio di Ing Direct (taeg al 3,26% e rata mensile di 713 euro). Segue a ruota un prodotto di Webank, la banca online del gruppo Popolare di Milano (con un taeg del 3,26% e una rata di 726 euro circa).

I prodotti di IngDirect  e WeBank vengono segnalati anche sulle pagine di MutuiOnline, assieme un altro prestito offerto da Deutsche Bank: il Mutuo Pratico a tasso variabile (taeg: 3,17% e rata di 715 euro circa). In entrambe i siti, risultano invece abbastanza costosi i mutui a tasso fisso che, sempre per un debito di 150mila euro a 25 anni, richiedono il pagamento di una quota di interessi di almeno il 5,5% all'anno (circa 2 punti in più della media europea). Il che, si traduce in  una rata che parte da un minimo di oltre 900 euro al mese: una cifra forse un po' troppo alta per il tenore di vita di una famiglia media italiana. In ogni caso, prima di pensare ai tassi e alle rate, chi vuole comprar casa deve superare un altro scoglio: riuscire a farsi concedere il mutuo, visto che le banche oggi sono molto avare nel dare i soldi in prestito e il volume dei finanziamenti erogati, nel 2012, è sceso in Italia di quasi il 50%.

LO SCANDALO EURIBOR

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Mutui, perché lo scandalo Euribor riguarda anche voi

Dodici istituti, presenti anche in Italia, sono indagati per aver manipolato il tasso sui prestiti interbancari da cui dipendono le rate dei finanziamenti per la casa

Casa, i prezzi tornano ai minimi del 2004

Meno di 100 mila compravendite nell'ultimo anno, un calo del 25,8%. E il rischio è di chiudere l'anno con i numeri degli anni '80

Commenti