Soldi

Mutui, cosa fare prima che i tassi aumentino

Gli interessi sui prestiti immobiliari stanno per virare verso l’alto. Come prepararsi all’appuntamento

casa-mutui

Andrea Telara

-

Non si sa ancora bene quando né con quale intensità, ma una cosa è certa: presto i tassi d’interesse dei mutui casa torneranno a salire, dopo aver navigato per anni attorno ai minimi storici. Anzi, alcune banche hanno già attuato qualche piccolo ritocco all’insù al costo dei loro finanziamenti, soprattutto dopo la fase di instabilità attraversata nelle scorse settimane dai mercati finanziari. 

Cosa deve fare dunque chi è in procinto di indebitarsi per comprar casa o ha già un mutuo sul groppone? Tra chi sta per accendere un nuovo finanziamento, la stragrande maggioranza delle famiglie oggi sceglie con molta lungimiranza le soluzioni a tasso fisso bloccando per sempre la rata, dato che sarà ben difficile trovare un costo del denaro così basso negli anni a venire. 

Per aiutarsi nella scelta del prestito migliore, è bene sempre utilizzare i preventivatori come MutuiOnline, Mutui.it e MutuiSupermarket. Si tratta, per chi non li conoscesse ancora, di portali internet  che consentono di confrontare  in pochi secondi le offerte di finanziamento delle maggiori banche italiane. 

Qualche esempio concreto

Per un prestito da 200mila euro rimborsabile in 25 anni (per l’acquisto di una casa che vale almeno 250mila euro), il sito di MutuiOnline segnala per esempio come soluzione meno costosa un finanziamento del Banco Bpm che richiede il pagamento di una rata di circa 732 euro al mese e ha un taeg (tasso annuo effettivo globale) del 2,06%. Seguono il Mutuo Facile del Banco di Sardegna (rata di 749,28 euro al mese e taeg del 2,25%) e il Mutuo a Tasso Fisso di Ubi Banca (rata di 754,33 euro e taeg del 2,3%). 

La situazione è ben diversa, invece, per chi ha già un mutuo sulle spalle, sottoscritto negli anni passati. Se il prestito è a tasso variabile, una buona idea è senz’altro di sostituirlo con uno a interessi costanti, aiutandosi sempre con i preventivatori online. Va ricordato che da anni la rottamazione del mutuo può essere effettuata con una procedura semplificata che si chiama surroga e che prevede il trasferimento dell’ipoteca da una banca all’altra con una scrittura privata autenticata, risparmiando sulle spese notarili. 

Idee per rottamare

Ma la sostituzione con surroga è conveniente anche per chi ha acceso un mutuo a tasso fisso negli anni scorsi quando gli interessi erano ben più alti di oggi.  Si prenda per esempio il caso di un debitore che sta rimborsando un prestito immobiliare con tasso al 3% annuo,  una scadenza fra 15 anni e un capitale residuo di 160mila euro. La rata da pagare per lui oggi è pari a ben 1.110 euro al mese. Per risparmiare, può sostituirlo con un mutuo dello stesso importo e durata residua, ma con un tasso sotto il 2% annuo.  Scegliendo i prodotti più convenienti segnalati da MutuiOnline (di Bper Banca, Banco di Sardegna e Bnl Bnp Paribas), lo stesso debitore deve versare una rata attorno a mille euro mensili, risparmiando così oltre 100 euro al mese. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Mutui, i migliori

I finanziamenti per la casa costano poco ma iniziano a rincarare. Ecco i prestiti che hanno ancora tassi variabili sotto l’1,5 e fissi sotto il 2,5%

Mutui, perché i tassi stanno già crescendo

Il rialzo dello spread tra titoli di stato italiani e tedeschi ha indebolito le banche che fanno pagare il conto ai clienti

Mutui e spread, tutto quello che c’è da sapere

La bufera di queste ore sul breve periodo non avrà effetti rilevanti, ma sul medio-lungo termine potrebbe causare l’aumento delle rate. Ecco perché

Mutui, cosa conviene tra tasso fisso e variabile

L’importo medio dei prestiti immobiliari è cresciuto nel 2017 di quasi l’8%. Qualche consiglio utile prima di indebitarsi

Mutui a interessi fissi o variabili: comprar casa coi tassi a zero

Il costo medio dei prestiti immobiliari è al minimo storico del 2,4% annuo e molti scelgono di bloccare per sempre la rata. Ma non sempre conviene

Mutui, la casa sarà pignorata dopo 18 rate non pagate: le cose da sapere

Via libera definitivo al decreto legislativo che attua la direttiva europea. Le disposizioni decisive

Mutui e pignoramenti: il Governo valuta di rimettere mano alla norma

Probabile una modifica al decreto Boschi che prevede l'esproprio diretto dopo 7 rate non pagate. Preoccupate le associazioni dei consumatori

Mutui e pignoramenti, come cambierà il decreto Boschi

Tra le novità ci sarà l’aumento da sette a diciotto del numero di rate non pagate dopo le quali scatta l’esproprio della casa da parte della banca

Mutui, quale scegliere e come evitare gli errori

Nel 2015, le erogazioni di finanziamenti a chi compra casa sono tornate a crescere col turbo (+97%). Una guida utile per orientarsi sul mercato

Commenti