Manager milionari: ecco come diventare ricchi lavorando per altri

Le persone che accumulano grandi patrimoni in azienda hanno alcuni tratti distintivi in comune

Milionari

Milionari - 27 aprile 2018 – Credits: iStock - AmazingDream

Stefania Medetti

-

Dopo aver analizzato le radici del successo di 233 milionari, Tom Corley, autore del saggio “Rich Habits”, ha capito che i super ricchi si dividono in tre gruppi. Quelli che hanno fatto i soldi risparmiando, gli imprenditori e gli executive. Questi ultimi, di solito, ottengono meno attenzioni, ma adesso l’autore racconta a Business Insider cosa permette ai manager di accumulare grandi fortune.

Alle radici della ricchezza

Le persone che sono diventate ricche grazie alla loro capacità di risparmiare sono quelle che ci mettono di più ad accumulare un patrimonio, tanto che l’autore stima un tempo medio di 32 anni. Al lato opposto, gli imprenditori sono quelli che fanno fortuna più velocemente e che ammassano le ricchezze più grandi. In mezzo a questi due estremi, ci sono i manager che hanno la capacità di diventare ricchi lavorando per altre persone. 

Il patrimonio degli executive

Oltre a percepire un ricco stipendio, i manager che lavorano per le grandi aziende - e di solito si tratta le società quotate - possono contare su bonus e azioni. Ma nella loro capacità di guadagnare pesa l'abilità di rendersi indispensabili, tanto che secondo Corley, si tratta di professionisti non licenziabili.

Ingaggiati per la vita

I super manager, a quanto pare, sono capaci di fare alcune cose che li distinguono da tutti gli altri. In particolare, diventano esperti di un settore industriale. All'interno di questo perimetro riescono a sviluppare una particolare nicchia di competenza. E questo vale nella società in cui operano oppure nell'industria di riferimento. Inoltre, dedicano molte energie al miglioramento personale e ad apprendere tutto quanto è possibile sul settore di loro competenza.

Esperti di pr

Ci sono altre cose che rendono questi manager diversi da tutti e, dunque, particolarmente “preziosi”. Per esempio, usano il telefono per le cosiddette “hello calls”, chiamate in cui salutano qualcuno con cui vogliono formare una relazione di potere. Si fanno sentire anche nel caso di compleanni o di eventi come matrimoni, nascite e malattie. Sono bravi anche nello sviluppare relazioni che contano con gli influencer della loro azienda o della loro industria. Molti dei manager milionari, rileva l'autore, fanno parte di associazioni di settore dove ricoprono un ruolo di grande visibilità. 

Per saperne di più:

- Diventare ricchi: dieci cose a cui pensare

- Apple: Tim Cook lascerà tutto in beneficienza


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Come diventare milionari a 24 anni

Daniel Ally, speaker motivazionale e imprenditore, ce l’ha fatta. Ecco i dieci suggerimenti per fare altrettanto

10 milionari grazie a YouTube

Ecco chi sono e quanto valgono le giovani star nate su internet

Milionari e miliardari: ecco quali sono le differenze

Le buone idee e il duro lavoro da soli non bastano, per diventare veramente ricchi occorre una particolare visione del mondo

Commenti