Imu ridotta, pensioni, Rc Auto: le novità della legge di stabilità

Ecco quali sono le misure a favore dei consumatori contenute nell'ultimo atto del governo Monti

(Credits: Mauro Scrobogna/LaPresse)

Giuseppe Cordasco

-

Ormai non c’è più nessun dubbio sul fatto che la legge di stabilità in discussione in questi giorni in Parlamento sarà l’ultimo atto legislativo del governo Monti. Ma questa volta, complice il clima pre-elettorale che spinge spesso i politici a gesti più magnanimi, e forti del fatto che tutto quanto c’era da spremere dalle tasche degli italiani è stato già spremuto (ultimo appuntamento cruciale quello del 17 dicembre con il saldo dell’Imu ), pare si possa fare i conti con misure tutto sommato favorevoli ai contribuenti. Ecco nel dettaglio le principali.

L’Imu del futuro
Per quanto riguarda la tassa sugli immobili, in assoluto l’imposta più odiata dagli italiani, è stato stabilito che dal 2013 l’intero suo importo andrà nelle casse dei Comuni, e non più per metà in quelle dello Stato. E dove sta la buona notizia direte voi? Nel fatto che in seguito a questa decisione si è anche stabilito che sulla seconda casa l’aliquota massima possibile scende dall’attuale 1,06% allo 0,96%. Insomma, uno striminzito 0,1% di regalo, ma di questi tempi si sa che bisogna sapersi accontentare.

Mini sanatoria fiscale
Tutti quelli che vantano un debito con il fisco fino a 2.000 euro, compresivi di capitale, interessi di mora e sanzioni e che risultano iscritti a ruolo fino al 31 dicembre del 1999, si vedranno automaticamente annullare il proprio onere. Un modesto regalo, che tra l’altro fa riferimento a periodi fiscali che si perdono nella notte dei tempi, ma come detto più sopra, in tempo di crisi è sempre meglio di niente.

Ricongiunzione dei versamenti previdenziali
Era uno dei grandi nodi in discussione. Per il momento è stato deciso che per chi è passato da un lavoro pubblico a uno privato. Il ricongiungimento sarà gratuito, come avveniva in precedenza, sempre che il passaggio sia avvenuto entro il 30 luglio 2010. Per gli altri resta la mannaia del ricongiungimento oneroso, che potrebbe costare molte decine di migliaia di euro. In ogni caso la discussione su questo punto è ancora aperta e una soluzione in extremis potrebbe essere trovata anche per questi ultimi.

Libri scolastici digitali
Slitta di un anno, dal 2013 al 2014, l’obbligo per cui le scuole avrebbero accettato solo libri di testo digitali. Un passaggio brusco che avrebbe comportato spese aggiuntive per le famiglie. Si è dunque deciso di posticipare l’arrivo degli e-book nelle aule, il segno di un rallentamento per l'agenda digitale voluta dal governo.

Assicurazioni sul mutuo
D’ora in poi il premio che si paga per assicurare il proprio mutuo, se quest’ultimo viene estinto in maniera anticipata, dovrà essere restituito nella quota parte relativa alla parte restituita prima della scadenza.

Rc auto
Non si dovrà più fare i conti con la spada di Damocle del tacito rinnovo. La polizza dunque continuerà ad essere valida solo dietro esplicita accettazione dell’automobilista, che non dovrà più mandare disdetta 15 giorni prima della scadenza. In ogni caso sarà garantita una copertura per i 15 giorni successivi al termine della polizza.

Ricette farmaceutiche
I medici di base dovranno obbligatoriamente indicare sulle ricette il nome del principio attivo del medicinale che prescrivono. Un modo per incentivare l’acquisto di farmaci generici ed equivalenti.

Biglietti via sms
Se confermato, sarà possibile in futuro acquistare biglietti dei mezzi pubblici attraverso il proprio telefono cellulare. L’importo verrà automaticamente scalato dal proprio credito telefonico.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Legge di stabilità, tutte le novità

No al taglio delle aliquote Irpef, aumento solo dell'Iva al 21%, via i  tetti e franchigie su deduzioni e detrazioni, in aumento le detrazioni  per figli a carico e taglio all'Irap dal 2014

Commenti