Soldi

Legge di Stabilità: le mani del governo sui fondi pensione

Con la manovra economica, aumenta il prelievo sulla previdenza complementare. Ecco gli effetti, pesanti, sulle tasche dei lavoratori

Andrea Telara

-

Un aumento della tassazione sui rendimenti, dall'11,5 al 20%. E' il destino che attende i fondi della previdenza integrativa, cioè i prodotti finanziari che hanno il compito di costruire una pensione di scorta per milioni di lavoratori italiani (molti dei quali vi destinano anche il proprio Tfr, cioè la quota di stipendio accantonata da sempre per la liquidazione).


Tfr in busta paga, i vantaggi e gli svantaggi


Il varo della Legge di Stabilità, con cui il premier ha annunciato un taglio alle tasse per 18 miliardi di euro, coincide però con una vera e propria stangata sui fondi pensione. Per tali prodotti finanziari le tasse invece aumenteranno, eccome, fin quasi a raddoppiare. Nell'immediato, gli italiani che hanno scelto di aderire alla previdenza integrativa non si accorgeranno neppure di questo salasso. I soldi versati oggi nei fondi pensionistici, infatti, verranno riscattati fra molti anni, quando i lavoratori si metteranno a risposo e trasformeranno il capitale accumulato in una rendita integrativa degli assegni Inps.


Rendimenti limati

La stangata, però, è solo rimandata nel tempo e si manifesterà durante la vecchiaia, facendo scendere l'importo delle pensioni complementari. Per rendersene conto, basta analizzare un esempio concreto. Si prenda il caso di un fondo pensione che rende in media il 5% lordo all'anno. Con l'attuale prelievo all'11,5%, il rendimento netto oggi scende al 4,4% circa. Se la tassazione salirà al 20%, invece, il guadagno dopo le tasse spettante al lavoratore sarà nel 2015 un po' più basso, pari al 4% (sempre nell'ipotesi che il fondo renda il 5% lordo). La differenza è di pochi decimi di punto ma, in un piano di investimenti molto lungo, che si protrae per 30 o 40 anni, gli effetti sull'ammontare della pensione maturata saranno notevoli.


Quanto perde il lavoratore

Con la tassazione all'11,5%, un lavoratore che versa appena 100 euro al mese in un fondo pensione che rende in media il 5% lordo annuo (cioè il 4,4% netto) si ritroverebbe dopo 40 anni con in tasca un capitale di quasi 131mila euro. Con il prelievo al 20%, lo stesso fondo pensione che rende il 5% lordo all'anno registrerà invece una performance un po' più bassa al netto delle tasse (cioè il 4%, come già ricordato) e garantirà dopo 40 anni un capitale di poco superiore a 118mila euro, quasi il 10% in meno. Il che, com'è ovvio, si tradurrà in una riduzione di egual misura per l'importo della pensione integrativa maturata. Con questa manovra sui fondi previdenziali, insomma, il governo potrebbe portar via ai lavoratori una bella fetta delle loro pensioni integrative. Oggi forse si riducono le tasse ma, in vecchiaia, arriverà il vero salasso.


Fondi pensione, rischi e opportunità
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

TFR vecchio alle aziende, TFR nuovo in busta paga

L'eliminazione del Trattamento di Fine Rapporto è una buona idea da perseguire fino in fondo

Tfr in busta paga: 10 cose da sapere

Cos'è, come funziona oggi e come funzionerà a partire da aprile il trattamento di fine rapporto

Il Tfr in busta paga: tramonta lo Stato assistenziale

Storia di un'istituto simbolo di un mondo che sta per sparire. Il dibattito sugli effetti perversi di una cultura che accompagnava dalla "culla alla tomba"

Tfr in busta paga, perché l'operazione rischia il flop

Se le quote della liquidazione saranno assoggettate l'irpef, molti lavoratori pagheranno più tasse sullo stipendio. Ecco per quale motivo

Commenti