Istat: aumenta il potere d'acquisto delle famiglie

Il reddito in termini reali a + 0,2% trimestre su trimestre e a + 1,1% su base annua

consumatori

– Credits: istockphoto

Redazione Economia

-

Il potere di acquisto delle famiglie, ovvero il reddito in termini reali, nel secondo trimestre del 2015 risulta in aumento dello 0,2% sul trimestre precedente e dell'1,1% su base annua. Lo rileva l'Istat, registrando una crescita del reddito in valori correnti dello 0,5% a livello congiunturale, che diventa un +1,3% nel confronto annuo.

Guardando ai primi sei mesi del 2015, la capacità di spesa delle famiglie è salita dello 0,8%, mentre il reddito nominale e' cresciuto dello 0,9%, rileva sempre l'Istat.

Scende invece, anche se lievemente, il tasso di investimento delle famiglie (-0,1 punti percentuali sul trimestre e -0,2 in termini tendenziali).

A riguardo l'Istituto di statistica ricorda come gli investimenti delle famiglie consumatrici coincidano praticamente con l'acquisto di abitazioni.

Passando alle aziende, o meglio alle società non finanziarie, la quota di profitto nel secondo trimestre risulta pari al 39,9%, in leggero rialzo congiunturale (+0,1 punti sul trimestre), ma in discesa su base annua (sempre di un decimo di punto).

A parte i piccoli movimenti la quota resta poco sopra i minimi storici.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Istat: cresce la fiducia dei consumatori e delle imprese

A settembre i migliori indici da due anni. Il Codacons: "Il governo faccia buon uso di questo 'tesoretto'"

Istat: disoccupazione in calo

Ad agosto è all'11,9%. Cresce invece leggermente il dato - sempre più preoccupante - di quella giovanile: al 40,7%

Commenti