Il progetto immobiliare più ambizioso del mondo

Ecco come un colombiano e un inglese hanno trasformato una base militare dismessa in una città che vale un miliardo e quattrocento milioni di dollari

panama-urbanizzazione

– Credits: RODRIGO ARANGUA/AFP/Getty Images

Claudia Astarita

-

Un tempo era la prerogativa di imperatori e condottieri, oggi, come ha scoperto la rivista americana Forbes, la possibilità di fondare una città vera e propria ex novo sembra essersi aperta anche a due imprenditori immobiliari, Jaime Gilinski e Ian Livingstone, che guidano la società Panama Pacific. Il progetto è quello di trasformare una base dell'aeronautica militare americana dismessa nel 1999 in un nuovo insediamento urbano.

Il sogno dei due tycoon è cominciato dodici anni fa, quando Gilinski, colombiano, fece sorvolare in elicottero al suo nuovo socio britannico il sito. Un'area enorme di circa settemila metri quadrati ed affacciata sull'oceano, destinata adesso ad ospitare una popolazione di settantamila persone – per farci un'idea, è l’equivalente di una cittadina di medie dimensioni come Cremona, Cagliari o Catanzaro.

Era una scommessa difficile, ma tutto sembra indicare che i due imprenditori la stiano vincendo. I profitti dell'operazione hanno già raggiunto la vertiginosa cifra di un miliardo e quattrocento milioni di dollari e il valore dei terreni si è moltiplicato di ben venticinque volte. Sono già state realizzate mille abitazioni, ma l'85% dell'area deve ancora essere edificato o ristrutturato, con potenzialità enormi. Anche perché non si tratta solo di realizzare immobili residenziali, ma anche scuole, ospedali, infrastrutture e spazi ricreativi. E già alcune multinazionali della distribuzione commerciale stanno valutando l'opportunità di investire per avere una presenza in questa città del futuro.

L'operazione è stata il frutto della rete di relazioni, a Panama e all'estero di Gilinski, che ha consentito, da un lato, di raccogliere i capitali necessari per gli investimenti iniziali e, dall'altro, di ottenere l'appalto dal governo, allettato dalla possibilità di creare quarantamila nuovi posti di lavoro (il 2% dell’intera forza lavoro nazionale a Panama). L'esperienza di Livingstone nel settore del real estate ha fatto il resto. E adesso i 5 dollari al metro quadrato pagati a suo tempo valgono molto, molto di più.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Panama Papers: "ecco come sono stati scoperti gli evasori"

Parla Alessia Cerantola, giornalista italiana che ha lavorato alla maxi inchiesta. Come è iniziata, come è cresciuta, come è diventato il caso dell'anno

Cina: Panama Papers e la crescita dell’offshore in Asia

Dal dossier spuntano i nomi di familiari di alcuni importanti dirigenti del Pcc. Pechino è il fulcro dei movimenti dei capitali asiatici

Commenti