Così Paypal e Square fanno concorrenza alle banche

Le società specializzate in servizi di pagamento si stanno muovendo in modo aggressivo verso piccole e medie aziende

finanziamento

– Credits: iStock

Stefania Medetti

-

Anche le banche devono fare i conti con concorrenti nati nell’era digitale e determinati a sottrarre loro una fetta di business. PayPal Working Capital e Square, infatti, approfittano delle condizioni di mercato per spingersi oltre il core business dei servizi di pagamento. L’obiettivo delle due aziende americane, infatti, è entrare nel settore dei prestiti.

Dalla crisi finanziaria del 2008, le banche hanno ristretto fortemente l’accesso al capitale, impattando sulle attività delle piccole e medie imprese. Dal 2007 al 2013, rivela una ricerca condotta da Business Insider, i prestiti per aziende con un giro di affari inferiore al milione di dollari sono calati vertiginosamente. Solo 2,4 milioni di prestiti sono stati erogati a piccole e medie imprese nel 2013, il 54% in meno rispetto al 2007. Per PayPal e Square, dunque, si apre l’occasione per intercettare i bisogni di queste aziende a cui mettono a disposizione prestiti e anticipi di cassa, che possono essere rimborsati come percentuale sulle vendite. Addirittura, se non ci sono vendite, il pagamento può essere ritardato.

A questo modo, non solo i nuovi player hanno la possibilità di conquistare quei clienti che si vedono negati i prestiti dalle banche, ma contribuendo a migliorare la salute dei business esistenti, allargano ulteriormente le proprie entrate sotto forma di fee derivanti dai loro servizi di pagamento. Infine, per quanto la commissione annuale richiesta da PayPal e Square sia fra quelle più onerose, le piccole e medie aziende apprezzano i servizi di back-office digitali, perché le aiutano a risparmiare tempo, funzionano secondo termini molto chiari e sono molto veloci e agili quando si tratta di concedere un anticipo di cassa. Senza contare che, appunto, il programma di ripianamento del debito segue l’andamento del business.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

5 modi per finanziare una startup

Dal crowdfunding al venture capital. Ecco alcuni consigli per raccogliere fondi e lanciare l'idea di impresa

Facebook come PayPal, presto potremo inviare denaro tramite Messenger

Facebook consentirà agli utenti di inviarsi pagamenti tramite l'app Messenger. La sfida al mobile commerce (e ad Amazon) è aperta

Satispay, come funziona il servizio di pagamento che sfida PayPal

Parlano i fondatori del nuovo sistema di mobile payment tutto italiano. L'obiettivo: dare agli utenti un portafogli elettronico senza commissioni

Commenti