Soldi

Come portare i soldi in Svizzera (legalmente)

L’impennata dello spread ha risvegliato le voglie di molti italiani aprire un conto oltreconfine. Lo si può fare da tempo, rispettando le regole

Swiss National Flag with the mountain range of Mt.Pilatus in

Andrea Telara

-

Dati certi non ve ne sono ma diversi giornali del Ticino ne parlano da giorni. Da quando sui mercati c’è stata l’impennata dello spread BTp/Bund ed è tornato ad aleggiare lo spettro di un’uscita dell’Italia dall’euro, molti nostri connazionali pensano a portare i soldi in Svizzera. A sentire la stampa elvetica, infatti, nelle banche del cantone di lingua italiana c’è un gran fermento, vista la crescita di nuovi clienti in arrivo dal Belpaese. 

Tutto in regola

Del resto, oggi per aprire un conto in Svizzera non serve violare la legge  e rivolgersi agli spalloni, i noti contrabbandieri di denaro che un tempo portavano valanghe di soldi fuori dai confini nazionali. Aprire un conto corrente nella Confederazione Elvetica, pur conservando la residenza fiscale e personale in Italia, è di per sé un’operazione poco complessa. La fanno spesso anche  i cosiddetti transfrontalieri, cioè i nostri connazionali che abitano nelle regioni del Nord (in particolare in Lombardia)  ma lavorano in Svizzera. 

Basta recarsi in una banca elvetica (o alle poste) e consegnare i propri documenti d’identità. Il conto corrente non può esser anonimo e, per chi abita lontano dal confine, può essere aperto anche in qualche filiale italiana di un istituto di credito elvetico, trasferendo il denaro all’estero con un bonifico.

Le tasse da pagare

Per fare tutto senza violare la legge, basta ricordarsi di riportare le somme possedute fuori dall’Italia nel quadro Rw della dichiarazione dei redditi. Non va dimenticato che le attività finanziarie detenute oltreconfine sono soggette a una tassa che si chiama ivafe ed è l’equivalente dell’imposta di bollo applicata in Italia. 

E’ pari al 2 per mille del capitale, anche se per i soli conti correnti (a differenza di quanto avviene per gli altri prodotti finanziari) è pari a 34,2 euro con esenzione totale per i depositi sotto i 5mila euro. Di solito, per l’apertura di un conto le banche svizzere chiedono a qualsiasi cliente una cifra minima in giacenza. Ma sono ovviamente  pronte ad accogliere a braccia aperte chi ha molte disponibilità di denaro. 



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Rating, Italia a rischio bocciatura: gli effetti sullo spread

A fine ottobre sono attesi i giudizi di Standard and Poor's e Moody's: una doppia bocciatura obbligherebbe molti investitori a vendere i nostri Btp

Spread, perché danneggia le banche e i risparmiatori

Gli istituti di credito hanno le casse piene di titoli di stato. Per questo, con un crollo dei Btp, sarebbero costretti a non dare più soldi in prestito

Spread, perché è aumentato soltanto in Italia (e ora scende)

Il presidente della Bce, Mario Draghi, ha bacchettato a più riprese la maggioranza di governo per le inutili parole di troppo sul deficit

Spread: perché se aumenta ci rimettono le banche

Goldman Sachs: rendimenti in rialzo una mina sui bilanci. I tedeschi chiedono alla Bce a quale tasso del Btp gli istituti italiani rischiano il crac

Dallo spread alla Turchia: tutte le tensioni dell'estate 2018

I dubbi sulla manovra economica del Governo Conte, i rischi di Ankara e la fine degli aiuti della Bce. Ecco cosa minaccia la tenuta dell'Italia

Mutui e spread, tutto quello che c’è da sapere

La bufera di queste ore sul breve periodo non avrà effetti rilevanti, ma sul medio-lungo termine potrebbe causare l’aumento delle rate. Ecco perché

Matteo Salvini: "Sono incazzato nero. Posso dirlo o sale lo spread?" | video

Spread a 300 punti, 5 cose da sapere

Perché l’aumento dei tassi sui Buoni del Tesoro danneggia lo Stato, le imprese e le famiglie

Corsa dello spread, ecco perché dobbiamo preoccuparci

L’impennata del differenziale tra titoli italiani e tedeschi, potrebbe avere effetti deleteri sui bilanci di famiglie e imprese

Commenti