Soldi

Btp Italia, perché piacciono tanto

Successo dei Buoni del Tesoro legati all'inflazione, anche se non c'è stato un boom. La tassazione bassa e il legame con il carovita attirano ancora

Andrea Telara

-

Più di 7,5 miliardi di euro in tutto. E' il valore del collocamento appena concluso degli ultimi Btp Italia, cioè i Buoni del Tesoro poliennali che hanno scadenza nel 2020 e che offrono un rendimento legato all'inflazione. Non c'è stato un vero e proprio boom di richieste ma il risultato viene comunque ritenuto soddisfacente. Mentre gli investitori istituzionali hanno un po' snobbato l'emissione e hanno inviato richieste per soli 3 miliardi di euro, tra i risparmiatori privati la domanda di titoli è stata infatti abbastanza sostenuta, per un ammontare complessivo di 4,5 miliardi.


Leggi qui: Btp Italia, perché comprarlo e perchè non farlo


Bene o male, dunque, il collocamento è stato un successo, viste le circostanze in cui è avvenuto. Non va dimenticato, infatti, che il Btp Italia offre un rendimento legato alla crescita dei prezzi e oggi, nel nostro paese, i prezzi si muovono al rallentatore. Anzi, attualmente siamo addirittura in una fase di leggera deflazione, con il costo della vita che è sceso dello 0,1% a settembre. Perché, allora, il Btp Italia continua a piacere agli investitori privati? Le ragioni di questo appeal sono sostanzialmente due. In primo luogo, come tutti i titoli di stato, anche il Btp Italia è soggetto a una tassazione di favore sui rendimenti, che subiscono un prelievo del 12,5%, contro il 26% che colpisce quasi tutti i prodotti finanziari venduti nel nostro paese, dai conti di deposito ai bond sino ai fondi comuni d'investimento.


Leggi qui: Btp Italia, istruzioni per l'uso


Inoltre, sebbene il carovita sia contenuto, il rendimento del titolo appena collocato viene considerato comunque abbastanza soddisfacente da molti investitori. Chi ha comprato l'ultimo Btp Italia incasserà infatti un interesse annuo lordo (diviso in due cedole semestrali) pari all'inflazione (esclusi i prezzi dei tabacchi) più un'ulteriore cedola (reale) dell'1,25%. Quest'ultima verrà sempre calcolata sul capitale rivalutato, cioè sulla somma investita nel titolo, maggiorata ogni anno della crescita dei prezzi al consumo registrata in Italia. Se però l'inflazione resterà zero come oggi, la cedola dell'1,25%lordo (l'1,1% netto circa) sarà comunque sempre garantita. In altre parole, qualunque sia la dinamica dei prezzi, il titolo darà sempre e comunque un interesse di poco superiore all'1%. Non si tratta di un rendimento stellare ma è comunque più di quanto offrono attualmente i Bot e molti Btp a tasso fisso con scadenza inferiore a 5 anni (che garantiscono tra lo 0,2 e lo 0,9% netto ogni 12 mesi). Inoltre, anche se una fiammata dei prezzi appare alquanto improbabile, non va dimenticato che gli ultimi Buoni del Tesoro proteggono comunque da un possibile rialzo del costo della vita. Se per esempio l'inflazione tornasse ai livelli fissati come obiettivo dalla Banca Centrale Europea, cioè al 2%, gli interessi liquidati ogni anno dall'ultimo Btp Italia salirebbero sopra il 3,25% lordo, che corrisponde al 2,8% netto.


Leggi qui: Bot e Btp battono la borsa


Chi non ha sottoscritto i nuovi Buoni del Tesoro indicizzati all'inflazione durante il periodo di collocamento, potrà acquistarli da lunedì 27 ottobre direttamente sul Mot, il mercato obbligazionario telematico di Borsa Italiana. In questo caso, a differenza di quanto è avvenuto nella fase di emissione, bisognerà pagare le commissioni di acquisto alla banca, versando un balzello che di solito parte dallo 0,2-0,5% del capitale investito.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Bot e Btp, cosa cambierebbe con la tassazione più alta sulle rendite finanziarie

Con un aumento del prelievo sui titoli di stato, a pagare il conto sarebbero i risparmiatori privati. Ma, per i piccoli portafogli, l'aggravio risulterebbe nell'ordine di qualche decina di euro

Btp Italia, quanto rende e come si fa ad acquistarlo

Nuova emissione dei Buoni del Tesoro legati all'inflazione, con interessi superiori di almeno l'1,65% rispetto al carovita e un po' più avari del passato

Bot e Btp, perché i rendimenti continuano a calare

Nonostante l'affermazione dei partiti anti-europei, i rendimenti dei titoli di Stato continuano a calare. L'Italia così potrà continuare a risparmiare sugli interessi per finanziare il taglio delle tasse

Buoni Fruttiferi e Btp, investire risparmiando sulle tasse

I titoli di stato e i prodotti postali mantengono da anni la vecchia imposta ridotta del 12,5%, mentre il governo colpisce le polizze e i fondi pensione

Commenti