Soldi

Bancomat: tutte le novità 2018 su prelievi e pagamenti elettronici

Un decreto del governo ha fissato tetti più bassi per le commissioni interbancarie che paghiamo ogni volta che facciamo un’operazione

BANCHE SOLIDE

Giuseppe Cordasco

-

Un nuovo e decisivo passo per incentivare i pagamenti elettronici a discapito dell’uso del contante: è da leggere così il senso del decreto con il quale il governo ha deciso di abbassare il tetto delle commissioni interbancarie che si pagano ogni volta che effettuiamo un’operazione con carta bancomat o carte di credito.

Il ragionamento che sta alla base di questa scelta è che una riduzione dei costi per clienti e imprese, possa appunto scoraggiare l’uso del cash, che spesso nasconde pratiche illegali, aumentando la trasparenza nelle transazioni commerciali. Ma vediamo nel dettaglio cosa ha deciso il governo.

Carte di debito

Come tutti quelli che hanno un bancomat o carta di debito ben sanno, ogni volta che si effettua un prelievo da uno sportello Atm, se l’apparecchio in questione non è della nostra banca, siamo tenuti al pagamento di una commissione, la cui entità è stabilita in modo autonomo da ciascun istituto di credito. Esiste però un tetto oltre il quale tali commissioni non possono andare.

Ebbene, il nuovo limite stabilito dal governo è il seguente: commissione dello 0,2% dell’importo della transazione (finora la media era lo 0,5%). Ricordiamo che tale tetto fissato per le carte di debito, vale anche nel caso si effettui una qualsiasi transazione commerciale attraverso un pagamento elettronico con Pos.

Carte di credito

Il nuovo decreto fissa nuovi limiti delle commissioni anche per le carte di credito. Essi saranno pari allo 0,3% dell’importo della transazione (finora la media era lo 0,7%).

Da notare tra l’altro, che non cambia invece il metodo di pagamento delle commissioni, siano esse applicate ai prelievi o sull’utilizzo delle carte di credito e debito per i pagamenti diretti: le spese verranno infatti sempre addebitate direttamente sul conto corrente legato al bancomat.

La voce di costo in questione sarà inoltre sempre visibile in tempo reale, nello stesso momento del prelievo: basterà chiedere un estratto conto alla propria banca.

Surcharge e micro pagamenti

Il decreto del governo non si occupa però solo di commissioni, ma fissa anche nuove regole per quel che concerne l’uso stesso di carte di credito e di debito. Innanzitutto mette fine al cosiddetto surcharge, ossia la possibilità concessa sinora alle aziende di praticare un prezzo più alto a chi pagava con bancomat o carta di credito. D’ora in poi ci sarà il divieto di applicare un sovrapprezzo per l’utilizzo di un determinato strumento di pagamento.

Inoltre, via libera anche ai micro pagamenti, cioè quelli inferiori a 5 euro, con carte di debito e di credito. Le banche infatti verranno obbligate ad applicare, per tutti i tipi di carte, commissioni di importo ridotto per tali pagamenti rispetto a quelle applicate alle operazioni di importo pari o superiore. Il tutto, ancora una volta, per promuovere l’utilizzo delle carte, nel caso specifico, anche per cifre molto basse.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Hacker contro bancomat: ecco come difendersi

Non servono virus o infezioni digitali, per prelevare i nostri soldi bastano skimmer, manomissioni e sportelli poco protetti

Professionisti, scatta l’obbligo del Pos

Un emendamento alla legge di stabilità prevede che le parcelle si paghino con carte di debito e di credito. Previste sanzioni per chi non si adegua

Tassa sul bancomat, in arrivo multe per prelievi ingiustificati

Nella delega fiscale potrebbe essere approvata una norma che autorizza il fisco a verificare l’uso del contante prelevato agli sportelli

Ecco perché la Grecia pensa di tassare i prelievi al bancomat

Il ministro delle Finanze Varoufakis ha detto che favorirebbe l’uso delle carte di credito, combattendo quindi l’evasione fiscale. Tutti i dubbi

Pos obbligatorio, tre sistemi per abbattere le spese

Tra le alternative allo studio per professionisti e artigiani c’è il Mobile Pos, oppure la possibilità di scaricare i costi dalle tasse

Commenti