Soldi

Banche Venete e manovra 2018, cosa cambia per i risparmiatori

Stanziati 50 milioni per risarcire le vittime dei crack finanziari. Ma per i consumatori si tratta di una farsa

Veneto-Banca

Andrea Telara

-

“Insufficiente e ridicola”. Una delle espressioni più dure l’ha usata il Movimento Difesa del Cittadino (Mdc) che ha bollato così lo stanziamento da parte della maggioranza di governo di un fondo da 50 milioni di euro per risarcire i risparmiatori vittime dei crack bancari degli ultimi anni. 

Stiamo parlando dei clienti di Banca Etruria e degli altri istituti di credito regionali falliti nel dicembre 2015, ma soprattutto delle Banche Venete (Veneto Banca e Popolare di Vicenza), finite in dissesto nel 2016 dopo aver rifilato negli anni precedenti ai loro correntisti una montagna di titoli spazzatura: azioni a prezzi gonfiati durante diversi aumenti di capitale e obbligazioni subordinate trasformatesi poi in carta straccia. 

Doppia farsa

Ora, con questo nuovo fondo istituito con la manovra ecoomica del 2018, tutti i risparmiatori rimasti beffati dovrebbero in teoria avere qualche indennizzo. Per le associazioni dei consumatori, però, il provvedimento è letteralmente una farsa,  per due ragioni. 

Innanzitutto, la cifra stanziata è ridicola perché, tra i risparmiatori da risarcire, sono esplicitamente indicati anche gli azionisti. “Il che significa”, dice Giuseppe D’Orta, consulente finanziario ed esponente dell’associazione dei consumatori Aduc, “che  dei risarcimenti degni di questo nome avrebbero bisogno di uno stanziamento di qualche miliardo di euro”. 

Ma c’è un altro motivo per cui, secondo le sigle dei consumatori, l’istituzione di questo fondo appare come farsesca. Per avere gli indennizzi, i risparmiatori devono aver prima vinto una causa giudiziaria contro la banca, con sentenza passata in giudicato. Oppure, in alternativa, devono aver avuto un pronunciamento a loro favore da parte di un collegio arbitrale, come quelli istituiti dalla Banca d’Italia (l’Abf) o dalla Consob (l’Acf). 

Cause impossibili 

Peccato, però, che avere una sentenza dal giudice o un pronunciamento dell’arbitro, per le vittime dei crack bancari sia letteralmente impossibile. “C’è una disposizione di legge che di fatto impedisce di fare causa a un istituto di credito posto in liquidazione ”, spiega infatti D’Orta.

Si tratta, nello specifico, dell’articolo 83 del Testo Unico Bancario (Tub) che recita così: “dalla data di insediamento degli organi liquidatori non può essere promossa o proseguita alcuna azione nei confronti della banca, ad eccezione delle azioni strettamente inerenti la procedura di liquidazione come, ad esempio, le opposizioni allo stato passivo”. Tradotto in parole più semplici, è bene che le vittime dei crack bancari non si facciano molte illusioni e si preparino a rimanere a bocca asciutta anche questa volta.  

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Banche venete: ecco chi sono i cattivi debitori

Immobiliaristi, imprenditori, giocatori di calcio, case di moda e gioielli: hanno ricevuto prestiti milionari che non hanno restituito

Dove si lavora meglio: banche e servizi finanziari

La Banca d'Italia è la preferita dai lavoratori di questo settore

Banche italiane: perché sono (davvero) più sane

S&P promuove gli istituti. E nonostante il crollo di Creval, i titoli bancari in Borsa guadagnano oltre il 20% da gennaio

Banche italiane: perché le nuove regole Bce le penalizzano

La vigilanza europea ha chiesto di aumentare le coperture sui crediti deteriorati. E così gli istituti torneranno a chiudere i rubinetti

Banche e consulenza: cosa cambia per i risparmiatori

Il governo ha recepito la direttiva europea sul mercato dei prodotti finanziari. Entrerà in vigore il prossimo gennaio: più trasparenza su costi e conflitto di interesse

7 riflessioni su banche e credito alle imprese

Dati, analisi e motivi (veri) del perché il credit crunch in Italia ha colpito soprattutto le piccole e medie imprese

Banche: cosa aspettarsi per il futuro in 10 punti

La diminuzione forzata del numero di istituti di credito porterà a un taglio netto del personale. Ecco cosa accadrà. E il Governo dov'è?

Il decreto per le Banche Venete, spiegato bene

Approvato definitivamente dal Senato: così Veneto Banca e Popolare di Vicenza verranno salvate dal governo e vendute a Intesa Sanpaolo

Le banche italiane falliscono e gli italiani pagano

Dopo mesi è arrivata la "soluzione di sistema": finisce tutto sulle spalle dei cittadini che si fanno carico del crac di Popolare Vicenza, Veneto Banca e Mps

Banche: quanto abbiamo speso finora per salvarle

Il costo è di oltre 30 miliardi di euro e sale a quasi 40 miliardi se si considerano i Tremonti e Monti bond

Banche Venete, perché lo Stato (alla fine) potrebbe guadagnarci

Il governo deve sborsare più di 5 miliardi di euro per salvare la Popolare di Vicenza e Veneto Banca. Ma ha anche ereditato importanti beni

Banche salvate, vacanze salate

Con gli ultimi casi in Veneto, il conto per ogni cittadino (neonati compresi) sale a 500 euro: su Panorama in edicola il 29 giugno

Commenti