Soldi

Bail-in, perché da oggi i fondi pensione sono un po' più sicuri

La liquidità dei prodotti della previdenza integrativa non saranno soggette alle regole europee sui fallimenti bancari. Ecco cosa significa

Busta-Arancione-pensione

Andrea Telara

-

Salvi dalle regole del bail-in. E' la buona notizia in arrivo per chi ha investito una parte dei propri risparmi nei fondi pensione, cioè nei prodotti della previdenza integrativa che hanno il compito di arrotondare i futuri assegni dell'Inps e costruire una rendita privata di scorta per milioni di italiani in vista della vecchiaia. Un emendamento alla manovra economica bis varata dal governo, infatti, rende un po' più sicuri i fondi pensione e corregge un' “anomalia” emersa nei mesi scorsi nelle leggi che regolano le risoluzioni bancarie, in base alle norme europee.

Per approfondire:



Cos'è il bail-in

Per comprendere di preciso cosa è accaduto (la questione è un po' tecnica) bisogna compiere prima qualche passo a ritroso. Negli anni scorsi è stata infatti approvata una regola europea che fa ancora molto discutere e che stabilisce un principio importante: se una banca va in dissesto, il suo salvataggio non deve più avvenire dall'esterno (bail-out) con i soldi pubblici, come è avvenuto troppo spesso negli anni scorsi. Le risorse dello Stato intervengono solo in casi eccezionali. Prima, almeno in teoria, il risanamento della banca deve essere effettuato dall'interno (bail-in), cioè facendo pagare il conto ai clienti (azionisti, obbligazionisti o grandi correntisti), che nella stessa banca hanno investito i propri soldi.

Liquidità sui conti correnti


Che c'entra dunque il bail-in coi fondi pensione? A prima vista poco o nulla. Anche perché i prodotti della previdenza integrativa investono per lo più in titoli (per esempio in azioni, bond, buoni del Tesoro), che vengono custoditi in una banca depositaria e sono comunque di esclusiva proprietà dei fondi stessi. Oltre ai titoli, però, i prodotti previdenziali detengono anche un bel po' di liquidità che fanno transitare sui conti delle loro banche depositarie, quando raccolgono i soldi dei risparmiatori-lavoratori o quando fanno operazioni sul mercato e incassano i guadagni ottenuti.


Proprio su quest'ultimo punto, è emersa nei mesi scorsi la falla nella normativa sul bail-in. A differenza di quanto avviene per i normali fondi comuni di investimento, la liquidità dei fondi pensione non era tutelata in caso di dissesto della banca depositaria. Qualora si fosse verificato un crack dell'istituto, dunque, i soldi in giacenza e di proprietà dei fondi pensione rischiavano di andare in fumo, proprio per il principio che sta alla base del bail-in: far pagare il crack della banca ai clienti, piuttosto che allo Stato. Ora, un emendamento alla manovra-bis ha corretto la stortura, stabilendo che la liquidità dei fondi pensione (come quelli versati nei fondi comuni) non può essere intaccata qualunque cosa succeda alla banca depositaria, che si tratti del bail-in o di qualcos'altro.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Fondi pensione, chi ha reso di più negli ultimi 10 anni

Mediolanum Previgest , Astri, Cooperlavoro e Fopen. I prodotti con le migliori performance dopo due lustri dalla riforma della previdenza integrativa

Bail-in: perché i fondi pensione sono in agitazione

Secondo Bankitalia le norme in vigore tutelano i fondi comuni ma non gli altri strumenti di risparmio collettivo

Fondi pensione, ecco chi ha reso di più

I prodotti previdenziali con le migliori performance negli ultimi anni

Fondi pensione: quanto hanno reso nel 2014

La Covip comunica dati medi tra il 7,3% e il 7,5% netto, mentre i PIP (piani individuali pensionistici) hanno guadagnato il 7,3% lordo

Ape e pensioni anticipate, le date da ricordare

Entro il 31 luglio va presentata la domanda per ritirarsi dal lavoro a 63 anni senza penalizzazioni. E l’Inps risponderà entro il 30 settembre

Pensioni e Ape, come funziona

Cosa bisognerà fare per mettersi a riposo a 63 anni, a partire dal 1° maggio (se tutto filerà liscio)

Pensioni, come farsi un assegno integrativo

Circa 7,8 milioni di italiani hanno già un fondo pensione. Una guida utile per tutti gli altri lavoratori (la maggioranza) che non li hanno ancora

Pensioni d'oro dei sindacalisti: la fine dei privilegi

Una circolare dell'Inps ha appena recepito la sentenza della Corte dei conti contro i trattamenti di favore. Ecco cosa accadrà

Pensioni, perché la riforma favorisce i ricchi

Le ragioni per cui il presidente dell'Inps, Tito Boeri, critica l'ultima manovra previdenziale approvata con la Legge di Stabilità 2017

Pensioni 2017, le modifiche in arrivo

A riposo a 63 anni, agevolazioni per lavori usuranti e precoci. Con queste misure, la previdenza italiana cambierà di nuovo quest'anno.

Pensioni: perché nel 2016 sono diminuite

Registrato dall'Inps un calo del 22,2%. Pesano l'innalzamento dell'età pensionabile per le donne e dell'aspettativa di vita

Mps, perché l'aumento di capitale è un bail-in mascherato

Le associazioni dei consumatori (e non solo) criticano l'operazione di salvataggio del Monte dei Paschi di Siena. Troppi rischi per gli obbligazionisti

Banche italiane e bail-in: l'effetto della sentenza della Corte Ue

La nuova procedura di salvataggio degli istituti è legale anche se gli Stati membri in casi eccezionali non sono obbligati a seguirla

Bail-in: cosa accade ai tuoi risparmi

Se una banca va in dissesto, ci sono prodotti come i conti correnti e i conti di deposito, i fondi d'investimento e le polizze sulla vita che godono di schermi protettivi efficaci. Ecco quali

Bail-in: cos'è e cosa succede dopo il suo inserimento

Dal 1° gennaio 2016, se un istituto di credito va in dissesto, a pagare saranno prima di tutto gli azionisti, poi gli obbligazionisti e i correntisti con più di 100mila euro in deposito

Commenti