Asta online per i crediti commerciali: cos'è e come funziona

Se la compravendita va in porto entro 48 ore si ottiene un finanziamento pari all'80% della fattura. Il servizio è offerto da un sito irlandese che vanta tra gli azionisti un fondo di Singapore

Uno screenshot del sito Aztec Money

Massimo Morici

-

Per ottenere un finanziamento in tempi brevi, evitando le lungaggini e le rigidità del canale bancario, una strada percorribile oggi è quella di cedere i propri crediti commerciali via web.

L'idea di mettere all’asta le proprie fatture, ottenendo così liquidità in pochi giorni, è venuta ad AztecMoney.com , un sito gestito da una società irlandese, che annovera tra i soci anche un fondo di Singapore capitanato dal miliardario neozelandese Richard Chandler.

La società è operativa su scala globale, ma punta a svilupparsi soprattutto nei Paesi europei in cui è più difficile accedere al credito: Grecia, Spagna, Irlanda e, appunto, Italia.

Per carità, nulla di nuovo sotto il sole: nel nostro Paese esistono già aziende specializzate nel recupero e cessione di crediti commerciali. La differenza, però, questa volta è nella modalità in cui si esplica questo servizio: bastano, infatti, pochi clic per accedere a una sorta di e-bay delle fatture su scala globale.

E, se l’asta va in porto, al massimo in due giorni si è in grado di ottenere il finanziamento desiderato.

Come funziona
Tecnicamente il sito propone una cessione del credito pro - soluto: l'impresa cedente non deve rispondere dell'eventuale inadempienza (solvibilità) del debitore, ma garantisce solo l'esistenza del credito e della mancanza di controversie o vincoli sullo stesso.

I crediti messi all'asta sono acquistati da investitori internazionali, mentre a garantire le transazioni, con il ruolo di controparte per i pagamenti è un colosso del credito come Deutsche Bank . La durata di un'asta varia da 1 ora a 48 ore e il servizio è garantito tutti i giorni e a tutte le ore.

AztecMoney funziona come una normale asta: il venditore riceve offerte sempre più alte per la vendita della propria fattura, ma che rientrino nei limiti da lui indicati, e il partecipante con l'offerta finale più alta si aggiudica l'asta.

Un esempio: per una fattura di 100.000 euro in scadenza tra 30 giorni (il termine massimo e di 365 giorni), se si è disposti a pagare all'acquirente una volta ottenuto il pagamento un importo pari all'1% di sconto sul valore della fattura (il massimo consentito è l'8%) e una commissione pari al 2% della fattura al sito stesso per la gestione della transazione, si ricevono in anticipo 78.000 euro dall’aggiudicatario e a quietanza della fattura altri 19.000 euro.

In totale quindi, si ricevono in tempi piuttosto rapidi dall’aggiudicatario 97.000 euro: a conti fatti, sono solo 3.000 euro in meno rispetto ai 100.000 euro iniziali che l’azienda avrebbe ricevuto dal cliente intestatario della fattura (quando e se avrebbe pagato), di cui 2.000 euro in fee e 1.000 all'acquirente del credito, il quale a sua volta potrà rivendere il credito o vedersela direttamente con il cliente stesso.

Chi può utilizzare il sito
Attraverso la piattaforma AztecMoney un’azienda italiana, di qualsiasi settore e dimensione, potrà mettere all’asta i propri crediti esigibili (non c'è limite al loro numero) relativi a prodotti e servizi venduti in Italia e all'estero, indicando esse stesse le condizioni alle quali accetteranno la cessione.

Ancora non disponibile per l'Italia, invece, è la cessione di crediti della Pubblica Amministrazione , in quanto richiede adempimenti diversi rispetto ai privati, anche se la società di Dublino afferma di voler lavorare in questo senso.

L’iscrizione è gratuita e non è necessario allegare alcuna lettera di credito o richiesta di finanziamento: basta inviare una documentazione di base volta a verificare l'identità e le credenziali professionali dell'utente.

È consigliata, invece, una certa familiarità con la creazione e l'invio di file in formato PDF, anche se le carte necessarie per accedere al servizio possono essere inviate alla vecchia maniera: via fax o posta.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Banche e credito alle imprese, i quattro passi da compiere

Avvicinare le aziende a nuovi strumenti finanziari, creare professionalità specifiche, tornare al modello cooperativo per contrastare la tendenza al credit crunch

Banche italiane, i tre motivi per cui sono (ancora) solide

Il sistema è immune alla crisi. Lo dice l'Fmi che dà ragione all'Abi: le classificazioni delle sofferenze sono iper - prudenti, i paragoni con altri paesi fuorvianti

Commenti