Amazon e le altre: perché il tech fa ballare Wall Street

Investitori in fuga dopo lo scandalo Facebook, l'inchiesta su Tesla e le minacce di Trump, che ha messo nel mirino il colosso di Jeff Bezos

Jeff Bezos

Jeff Bezos, fondatore di Amazon, davanti al logo dell’azienda - 19 gennaio 2018 – Credits: David Ryder/Getty Images

Massimo Morici

-

Tira brutta aria sui colossi del tech quotati a Wall Street. L'ultimo a far innervosire gli investitori che hanno comprato titoli tecnologici è stato, tanto per cambiare, Donald Trump, che è tornato ad attaccare frontalmente Amazon: paga poche tasse (la stessa accusa mossa dalla Ue) e fa chiudere i negozi.

Il titolo nella sola giornata di mercoledì 28 marzo ha bruciato 53 miliardi di dollari di capitalizzazione: gli investitori temono che il presidente USA sia pronto a punire il gruppo. Ma passarsela male in queste settimane sono un po' tutte e gli altri titoli tech quotati alla Borsa di New York.

A partire dalle FAANG, acronimo formato dalle iniziali di 5 grandi big della tecnologia americana: Facebook, Apple, appunto Amazon, Netflix e Google, anche se il nome della holding in realtà è Alphabet.

Fuoco incrociato sul tech

Martedì 27 marzo, il giorno prima del crollo di Amazon, tutto il settore tecnologico è stato colpito dalle vendite per chiudere con un pesante -1,7 per cento. Cosa è successo? Giuseppe Sersale, resposabile delle gestioni patrimoniali di Anthilia Capital Partners, la spiega così nella newsletter spedita mercoledì 28 marzo agli investitori:

"Un Nasdaq già alle corde per la storia di Facebook e il contagio agli altri social, è stato affossato da una serie di 'single stories' su alcuni esponenti di rilievo del comparto: Nvdia (-8%) ha sospeso i test sulle self driving car; Tesla (-8%) è finita nuovamente sotto inchiesta per un incidente (e oggi crolla per un downgrade del merito di credito); Twitter (-11%) è stata oggetto di un report di un operatore specializzato in short bets (vendite di azioni allo scoperto, ndr)".

L'attacco ad Amazon

A dare il colpo di grazia è stato poi The Donald che ha messo nel mirino Amazon. La Casa Bianca, sperando di gettare acqua sul fuoco, ha provato a smentire le indiscrezioni dicendo che "al momento" non c'è alcuna politica allo studio riguardante il colosso americano del commercio elettronico.

Ma Trump è uno che twitta: "Ho parlato delle mie preoccupazioni relative ad Amazon molto prima delle elezioni". E ancora: "Diversamente da altri paga poche tasse o non le paga ai governi statali e municipali, usa il nostro sistema postale come se fosse il suo ragazzo delle consegne (causando perdite enormi agli Usa) e facendo fallire molte migliaia di negozi!".

L'andamento a Wall Street

Ma non è tempo per suonare le campane a morto per il tech. C'è, insomma, il rischio diuna nuova bolla sul comparto? Certo è che il tonfo di mercoledì di Amazon (-4,4%) viene dopo un periodo di forte crescita in Borsa: da inizio anno l'azione è salita di oltre il 22% e negli ultimi 12 mesi del 67%. Gli investitori sono preoccupati anche per le possibili conseguenze su tutto il listino americano: non a caso Barron's, una delle pubblicazioni più lette dagli operatori a Wall Street, si chiedeva pochi giorni fa se fosse il caso di alleggerire il portafoglio dai titoli tech ("Time to De-FAANG Your Portfolio?").

Il peso sui listini

Per far capire quanto siano importanti le FAANG a Wall Street, basti pensare che oggi rappresentano circa il 13% della capitalizzazione totale dello S&P 500, l'indice che raccoglie le 500 principali aziende americane quotate, e che la loro crescita lo scorso anno è stata da capogiro: nel 2017 in media hanno fatto guadagnare agli investitori, compresi i dividendi, il 49,2% rispetto al 22% dell'indice S&P 500.

Le FAANG sono chiamate dagli addetti ai lavori anche "titoli dracula": fang in inglese significa "zanna". I diretti concorrenti, i colossi cinesi Baidu, Alibaba e Tencent, sono i "titoli pipistrello" (bat in inglese). La fantasia dei trader è quella che è e, a volte, nasconde una feroce ironia: l'Italia, ad esempio, nel 2011 faceva parte dei PIIGS (l'acronimo ricorda pigs, maiali in inglese) o GIIPS (gipsy, zingari in inglese), gli acronimi per indicare i 5 titoli di stato dell'Eurozona a rischio (del club facevano parte anche Portogallo, Irlanda, Grecia e Spagna).

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Snapchat, tutti i numeri dello sbarco a Wall Street

Il prezzo iniziale delle azioni di Snap, la società che controlla la piattaforma di instant messaging, è stato fissato in 17 dollari

Record storico a Wall Street: il Dow Jones supera i 20 mila punti

Sono molti gli analisti che legano il dato all'ottimismo nei confronti delle prospettive economiche nell'era Trump

Alphabet prima per capitalizzazione a Wall Street

Dopo i risultati del 2015 con 16,3 milioni di utile netto (+15,6%), il titolo esplode e si spinge fino a 541 miliardi di valore battendo Apple

Papa Francesco converte Wall Street

Morgan Stanley e Standard & Poor's lanciano soluzioni per investire sui mercati rispettando la dottrina della Chiesa

Commenti