Economia

Satellite, digitale terrestre e streaming: ecco come si vedrà la Serie A in tv

Sky, Mediaset Premium e Dazn si dividono le partite del prossimo campionato. Non basteranno tessera e televisione per seguire la propria squadra

serie a diritti tv 2018-2021

Giovanni Capuano

-

L'accordo che ha chiuso la partita dei diritti tv della Serie A per il triennio 2018-2021 portando nelle casse dei club complessivamente 1,4 miliardi di euro a stagione (973 milioni da qualli domestici), modifica anche le abitudini dei tifosi-utenti italiani. Non basterà più un solo abbonamento per vedere tutta l'offerta del massimo campionato ma, soprattutto, non basterà più nemmeno essere dotati di televisore e decoder. Una rivoluzione.

Lo sbarco di Dazn (si legge DaZone), piattaforma di Perform che si è assicurata l'esclusiva di 114 partite compresi gli anticipi del sabato sera, porta in Italia il modello già operativo in Svizzera, Germania, Giappone e Canada dove la società opera. Per vedere il calcio in tv serve una app che gira (con abbonamento) su un device collegato alla rete. La tv? Utile solo se si tratta di smart tv con la possibilità di accedere al wi-fi, altrimenti nulla.

Il rischio è che questo upgrade tecnologico, più ancora che il fastidio del doppio abbonamento (peraltro sono possibili accordi commerciali con gli altri operatori), sia la vera novità cui l'utente medio andrà incontro. Una scommessa nella scommessa. Ci saranno le condizioni perché accada senza contraccolpi?

In ogni caso il panorama è destinato a mutare anche per la composizione dell'offerta. Fox Sports Italia ha chiuso lasciando solo Sky sul satellitare. Mediaset Premium ha ridotto i suoi investimenti sul calcio e rimodulato la proposta commerciale per i suoi abbonati. Dazn sta lanciando la sua app. Ecco come il tifoso italiano potrà vedere calcio in tv nella prossima stagione:

Ecco cosa si vedrà sulla piattaforma Sky

Sky è tornata in possesso dei diritti tv della Champions League dopo il triennio di Mediaset Premium. Trasmetterà in diretta ed esclusiva sul satellite le sfide per arrivare alla finale di Madrid (i diritti in chiaro di una partita del mercoledì a turno con impegnato un club italiano, più semifinali e finale sono stati ceduti alla Rai che trasmetterà anche la Supercoppa europea di agosto tra Real Madrid e Atletico Madrid.

L'emittente di Murdoch ha anche i diritti dell'Europa League con tre squadre italiane e, per quanto riguarda i campionati esteri, manderà in onda in esclusiva le sfide della Premier League. 

Dopo anni di prodotto completo, invece, l'offerta della Serie A prodotta direttamente da Sky sarà limitata a 7 partite su 10 nel week end: 2 al sabato (ore 15 e ore 18), 4 alla domenica (2 alle ore 15, una alle 18 e il posticipo delle 20,30) e il Monday night che rappresenta una delle novità strutturali della prossima stagione.

Tutto sarà visibile sul satellite con il tradizionale abbonamento, su internet e in streaming tramite NowTv e l'applicazione SkyGo. Da qualche mese Sky ha lanciato SkyQ che è il nuovo modo di vedere l'offerta e che rappresenta anche la base per l'accordo commerciale con Dazn per rilanciare le altre gare della Serie A non acquistate in fase di asta con la Lega.

In più Sky è sbarcato anche sul digitale terrestre dove rilancia il segnale di alcuni canali legati a calcio e sport: Sky Sport 24, Sky Uno e Sky Sport Serie A. Non si vedrà tutto, ma una buona selezione degli eventi calcistici

Ecco cosa si vedrà su Mediaset Premium

Mediaset non si è assicurata direttamente alcun diritto di trasmissione di gare della prossima stagione. Non la Serie A e nemmeno le coppe europee dopo aver coperto per l'ultimo triennio la Champions League.

Attraverso un accordo con Perform, però, offre ai suoi abbonati (con un prezzo rimodulato a 19,90 euro al mese) la possibilità di accedere alla piattaforma Dazn per vedere le 114 partite acquistate dal nuovo gruppo. Si tratta dell'anticipo del sabato sera alle 20,30 e di 2 partite della domenica (12,30 e 15).

Le gare saranno disponibili non in digitale terrestre, quindi attraverso la smart card in possesso degli abbonati, ma solamente in streaming e su internet avvalendosi di una connessione wi-fi che alimenti il traffico dati di smart tv, tablet, smartphone, device, computer e consolle per videogiochi.

Ecco cosa si vedrà attraverso Dazn

È la vera novità della stagione, la piattaforma web che si è presa l'esclusiva di 114 partite della Serie A fino al 2021 e tutta la Serie B togliendola a Sky. Non funziona su tecnologia tradizionale (digitale terrestre e satellitare), ma attraverso una applicazione che va scaricata e alla quale si accede pagando un abbonamento mensile da 9,90 euro.

Trasmetterà l'anticipo del sabato sera alle 20,30 e 2 partite della domenica: il launch match delle 12,30 e una gara delle 15. Le gare saranno disponibili solamente in streaming e su internet avvalendosi di una connessione wi-fi che alimenti il traffico dati di smart tv, tablet, smartphone, device, computer e consolle per videogiochi.

Perform sta cercando di arrivare ad acquistare altri diritti per arricchire la sua offerta e guarda al mercato dei campionati stranieri con Liga, Bundesliga e Ligue1 nel mirino.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

La Champions League sempre più ricca: come è nata e come può crescere ancora

Dal 2006 ricavi cresciuti del 370%, oggi fattura 3,5 miliardi di euro e ne distribuisce 1,5 a stagione. Ma è ancora distante dal modello Nfl

Commenti