Economia

Pace fiscale: si riaprono i termini per le istanze

C'è tempo fino al 31 luglio per presentare domanda di rottamazione delle cartelle e saldo e stralcio

agenzia_Entrate_ufficio

Barbara Massaro

-

Lo aveva promesso la Lega e alla fine la riapertura del procedimento per la cosiddetta pace fiscale è stata inserita con un emendamento al decreto crescita.

Si tratta di una notizia importante perché lo scorso 29 aprile erano scaduti i termini per presentare domanda di rottamazione delle cartelle (il terzo stralcio) e per la richiesta del saldo stralcio per i contribuenti in grave difficoltà economica (con ISEE sotto ai 20.000 euro l'anno) con una pioggia di 1 milioni di contribuenti che hanno chiesto di potersi rimettere in pace con il Fisco.

I nuovi termini per presentare domanda

La notizia è stata data dal sottosegretario all'Economia Massimo Bitonci: fino al 31 luglio il debitore di una cartella datata tra il 2000 e il 2017 potrà presentare istanza di adesione all'agevolazione fiscale pagando solo imposte e contributi al netto degli interessi di mora e delle sanzioni amministrative.

Sempre fino al 31 luglio, inoltre, si potrà presentare (con ISEE valido e aggiornato) la richiesta di poter aderire al cosiddetto saldo e stralcio, ovvero quella sorta di sanatoria delle cartelle per omessi versamenti creata per chi è in grave difficoltà economica.

Saldo e stralcio: come funziona

Coloro che dimostrano di avere un ISEE fino a 8.500 euro dovranno pagare il 16% del debito. Nella fascia tra gli 8.500 e i 12.500 euro, invece, bisognerà corrispondere il 20% dell'importo e con un ISEE fino a 20.000 euro il 35% del totale.

Sia che si tratti di rottamazione delle cartelle sia di saldo e stralcio, quando l'istanza verrà approvata, bisognerà procedere al pagamento dell'importo entro il 30 novembre o in un'unica soluzione oppure chiedendo il dilazionamento fino a un massimo di 17 rate. La prima rata prevede il saldo del 20% dell'importo totale dovuto allo Stato. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pace fiscale: come chiedere il "saldo e stralcio"

La scadenza è fissata per il 30 aprile e sono un milione le domande presentate per aver diritto allo sconto sui debiti col fisco

Pace fiscale: ecco come funziona la prima sanatoria

Da oggi sarà possibile pagare per aderire al condono che riguarda accertamenti non ancora perfezionati alla data del 24 ottobre

Pace fiscale, esclusi gli evasori: ecco perché sarà un flop

Al momento la bozza di decreto prevede che il nuovo condono sia solo per chi ha dichiarato tutto al fisco, ma poi non ha potuto pagare

Pace fiscale: ecco perché si tratterebbe di un classico condono

Tecnicamente, quando un Paese cancella i debiti di un contribuente con il fisco, si tratta di sanatoria, a maggior ragione se vale per tutti

Commenti