Economia

Rio 2016: il Brasile in recessione taglia gli investimenti

A fronte dell'inflazione e della disoccupazione crescenti, il Comitanto organizzatore delle prossime Olimpiadi decide per un taglio drastico alle spese

Olimpiadi Rio 2016

Redazione

-

Gli effetti della grave crisi economica che ha colpito il Brasile, entrato ufficialmente in recessione da agosto, si fanno sentire anche sulle prossime Olimpiadi e Paralimpiadi, in programma tra dieci mesi a Rio de Janeiro: il Comitato organizzatore locale ha annunciato tagli compresi tra il 10% e il 30% sulle spese programmate, per non correre il rischio di superare il budget.

Attualmente ci sono a disposizione 7,4 miliardi di reais (2,1 miliardi di euro) frutto di risorse private (sponsor, prevalentemente). L'idea è di non gravare sui conti pubblici in un momento particolarmente delicato per il Paese sudamericano, alle prese con inflazione e disoccupazione crescenti. ''Dobbiamo presentare Giochi economicamente sostenibili, non c'è piu' spazio per spese eccessive'', ha dichiarato il responsabile della comunicazione del Comitato. (ANSA)

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

I prezzi dei biglietti delle Olimpiadi di Rio 2016

Rio 2016: la baia dei rifiuti

Uno studio dichiara impossibile bonificare le acque per la vela e altre discipline nautiche prima del 2026. E la ong scelta dal Comune rinuncia all'incarico

Commenti