Economia

Reddito di cittadinanza del Movimento 5 Stelle: cos'è esattamente

Un sussidio per chi è sotto la soglia di povertà, condizionato alla ricerca del lavoro. A chi spetterà, a quanto ammonterà, come si otterrà

Di-Maio

Andrea Telara

-

E giusto dare a tutti il Reddito di Cittadinanza? Comunque, la si pensi, su una cosa si deve concordare: il sussidio universale proposto dal Movimento 5 Stelle è stato uno dei temi centrali dell’ultima campagna per le elezioni del 4 marzo dove la forza politica fondata da Beppe e Grillo e guidata da Luigi Di Maio ha fatto il pieno di voti, conquistando oltre il 32%. Ma cos’è esattamente e come funzionerà (se mai verrà mai introdotto) il Reddito di Cittadinanza pentastellato?

Ecco, di seguito, le principali caratteristiche di questo sussidio di cui si parla molto.

A chi spetta

Il Reddito di Cittadinanza è un sussidio che spetta a chiunque si trovi al di sotto della soglia di povertà relativa e guadagni (con qualsiasi tipo di reddito) meno di 780 euro al mese. I nuclei familiari che possono beneficiarne sono circa 4,9 milioni per un totale di oltre 9 milioni di persone.

A quanto ammonta l’assegno

L’assegno varia a seconda della composizione del nucleo familiare e della situazione personale del beneficiario. Chi è disoccupato e non ha reddito ha diritto a ricevere un sussidio di 780 euro mensili. Chi ha un lavoro ma guadagna meno di questa cifra ha invece diritto a ricevere soltanto una integrazione di reddito, che lo riporti al di sopra della soglia di povertà. Esempio: chi ha un impiego part-time con stipendio di appena 400 euro riceve un’integrazione di 380 euro mensili.

Il sussidio aumenta man mano che cresce il numero dei figli a carico. Alle famiglie con un solo genitore e un figlio a carico, per esempio, spettano 1.014 euro al mese. Per i nuclei familiari con 3 componenti l’indennità sale a 1.404 euro mensili e così via fino ad arrivare oltre 1.870 euro per le famiglie numerose con più di 5 membri.

Le condizioni per averlo

Per beneficiare del sostegno proposto dal Movimento 5 Stelle, oltre ad avere un reddito sotto la soglia di povertà, occorre rispettare alcuni requisiti. Chi è disoccupato deve iscriversi ai Centri per l’impiego (gli uffici di collocamento) e rendersi subito disponibile a lavorare. Deve inoltre iniziare un percorso per essere accompagnato nella ricerca del lavoro, dimostrando la reale volontà di trovare un impiego.

Lo stesso disoccupato deve poi offrire la propria disponibilità a partecipare a progetti comunali utili alla collettività (8 ore settimanali), deve effettuare ricerca attiva del lavoro per almeno 2 ore al giorno, comunicare tempestivamente qualsiasi variazione del reddito e accettare uno dei primi tre lavori offerti dai Centri per l’Impiego.

Quanti soldi occorrono 

Secondo le stime del Movimento 5 Stelle, per finanziarie il Reddito di Cittadinanza occorrono soltanto 16 miliardi di euro, che possono essere recuperati facilmente nel bilancio dello Stato tassando il gioco d’azzardo, le banche, le compagnie petrolifere, le grandi ricchezze e tagliando gli sprechi e le spese della politica. Per gli economisti de Lavoce.info, invece, il costo reale del sussidio pentastellato è di almeno 29 miliardi di euro.

 Per saperne di più

© Riproduzione Riservata
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Sgarbi ed il fuori onda sulla fake news delle code ai Caf per il reddito di cittadinanza | video

Reddito di cittadinanza: i meme più divertenti

In Rete rimbalzano post, vignette e foto che ironizzano sulla proposta del Movimento 5 stelle e sulle reazioni della gente

Reddito di cittadinanza: cosa prevede, chi ha diritto. La proposta del Movimento 5 Stelle | video

Disoccupazione e reddito di cittadinanza, così il M5S ha vinto al Sud

Circa 1,4 milioni di disoccupati, 850 mila sottopagati, 1,2 milioni di giovani Neet. Il disagio sociale nel Meridione che ha favorito il M5S 

Reddito di cittadinanza: l’esperimento della Finlandia

2000 disoccupati riceverenno per due anni 560 euro al mese. Ecco cosa ci si aspetta di ottenere

Reddito di cittadinanza, spiegato

Nel dibattito politico spesso il tema viene analizzato in modo improprio. In una sorta di vademecum facciamo chiarezza su cosa prevede e ciò che esclude

Reddito di cittadinanza: perchè non è solo un bluff

L'ipotesi congegnata dal M5S, sebbene mal congegnata, non è da sottovalutare: non richiede uno stanziamento abnorme e servirà. Eccome se servirà

Commenti