Portogallo: come è stato salvato il Banco Espirito Santo

Al via il primo salvataggio transitorio da 4,9 miliardi di euro in attesa dell'Unione Bancaria del 2016

Un'agenzia del Banco Espirito Santo – Credits: PATRICIA DE MELO MOREIRA/AFP/Getty Images

Redazione

-

Una famiglia di banchieri in grandi difficoltà economiche, una banca con un buco da 4,25 miliardi di euro alla fine del primo semestre del 2014 e un Paese in bilico. Fino a ieri era questa la situazione del Portogallo, in cui il Banco Espirito Santo, i cui azionisti principali sono l'omonima famiglia portoghese e il Crédit Agricole, ha accusato una perdita catastrofica.

Nella notte però le cose sono cambiate: come spiega anche il Financial Times il Banco de Portugal (la banca centrale portoghese) ha annunciato il salvataggio dell'isitituto di credito. "Il rischio di cessazione dei pagamenti da parte del Banco avrebbe messo in pericolo il sistema finanziario nazionale" ha dichiarato Carlos Costa, governatore del Banco de Portugal.

Ma come è avvenuto il salvataggio? E chi pagherà per il disastro?

- Per la prima volta in attesa della creazione nel 2016 dell'Unione bancaria, sono entrate in vigore le regole transitorie nella gestione di un fallimento di un istituto di credito volte a non far pagare più ai risparmiatori ma agli azionisti e ai creditori non privilegiati le perdite. Anzi, le nuove norme stabiliscono che prima sono chiamati loro a pagare e poi lo Stato con eventuali aiuti.

- È così che è stata creata una bad bank con tutti i titoli tossici e le attività a rischio del gruppo che dovranno essere via via dismessi.

Leggi anche: a cosa servono le bad bank

- La parte "sana" dell'attività bancaria, invece, è stata convogliata in una nuova banca che ha preso il nome di Novo Banco controllato questa volta dal Fondo per la risoluzione delle banche portoghesi creato nel 2012 dalla Troika (Fmi, Bce e Commissione Europea) e che ha un ammontare di 12 miliardi. Per il Novo Banco sono stati utilizzati 4,9 miliardi. Sarà poi messo in vendita.

-----------------

L'articolo integrale del Financial Times: Banco Espirito Santo split in Euro 4.9 bn rescue

© Riproduzione Riservata

Commenti