Economia

Pil, perché l’economia è in frenata

La crescita italiana si fermerà all’1,2% nel 2018 e ad appena l’1% nel 2019. Pesano le incertezze politiche e il calo delle esportazioni

Electrolux-fabbrica

Andrea Telara

-

Prima il Fondo Monetario Internazionale (Fmi), poi l’Ufficio Parlamentare di Bilancio (Upb). In poche ore, nella giornata del 16 luglio, per l’economia italiana sono arrivate due cattive notizie, non proprio pessime, ma comunque non certo rallegranti. 

Per entrambe gli organismi, il prodotto interno lordo (pil) del nostro Paese sta frenando e viaggerà nei prossimi mesi meno velocemente del previsto. Secondo l’Fmi, nel 2018 la crescita si attesterà all’1,2% (tre decimi di punto in meno rispetto alla precedente previsione). Nel 2019, invece, calerà ulteriormente fino all’1%. Per il Fondo Monetario la colpa è soprattutto delle incertezze politiche romane che hanno fatto aumentare gli spread Btp/Bund, cioè i differenziali di rendimento tra i titoli di stato italiani e quelli tedeschi. 

Spread in salita, economia in frenata

Come hanno dimostrato le cronache degli ultimi anni, l’impennata dello spread non è mai una buona notizia per un paese come l’Italia, che ha un debito pubblico elevato. Se i differenziali di rendimento con i titoli di stato tedeschi salgono, il governo di Roma ha infatti maggiore difficoltà a finanziarsi a condizioni convenienti  sul mercato e deve pagare un po’ più interessi sul suo debito. 

Il che, ovviamente, significa avere un po’ meno soldi a disposizione per altre spese, a cominciare da quelle per gli investimenti che stimolano la cosiddetta domanda interna. Un po’ diversa è  l’analisi pubblicata dagli economisti dell’Ufficio parlamentare di Bilancio nell’ultima nota congiunturale di luglio. Anche loro hanno abbassato di un po’ le stime sulla crescita del pil nel 2018, dall’1,4 alll’1,3% e hanno fissato all’1% (come l’Fmi) l’incremento atteso dell’economia nel 2019. 

Export col fiato corto 

Gli analisti dell’Upb hanno però messo in evidenza altri due fattori. Il primo è il contesto internazionale: anche l’economia europea, infatti, non viaggia più ai ritmi sostenuti del 2017 e quindi le esportazioni italiane, che nel Vecchio Continente hanno ancora un mercato di sbocco importante, si trovano ad avere il fiato corto. Poi, come se non bastasse, l’amministrazione americana guidata da Donald Trump ha avviato una politica protezionista, che certamente non fa bene ai commerci internazionali. 

Inoltre, sempre secondo gli economisti dell’Ubp, c’è una andamento divergente dell’economia italiana sul fronte interno: mentre i consumi nazionali continuano a essere tonici grazie a una ripresa dell’occupazione che spinge la capacità di spesa delle famiglie, gli investimenti vanno invece a singhiozzo. Così è stato nel primo trimestre dell’anno, a causa dell’ incertezza sul prolungamento delle agevolazioni fiscali alle aziende per l’acquisto di impianti e macchinari, che hanno spinto molte imprese a ridurre le spese su questo fronte. 

Cercasi incentivi

Anche in questo caso, dunque, a pesare negativamente sono state le turbolenze istituzionali, visto che a marzo ci sono state le elezioni politiche e non era ben chiaro se la nuova maggioranza uscita dalle urne avrebbe confermato gli incentivi all’industria 4.0 introdotti dal governo precedente. La politica, insomma, non ha certo dato una mano all’economia, almeno finora. 


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pil, perché arriverà una nuova recessione

Le previsioni sull'economia del colosso del risparmio gestito statunitense Pimco

Pil, perché ora rischia la frenata

Il ministero dell’Economia e è ottimista sulla crescita del 2018. Ma alcuni indicatori non fanno ben sperare. Ecco quali

Lorenzo Fioramonti, l'economista no-Pil che vuol far decrescere l'Italia

Insegna all'università di Pretoria, in Sudafrica, ed è nemico giurato del Prodotto interno lordo che sale. Ritratto dell'uomo che Casaleggio e Di Maio vogliono come ministro dell'Economia

Crescita del pil, perché siamo ancora ultimi in Europa

Nel 2017 il prodotto interno lordo è salito dell’1,4%, il massimo dal 2010. Ma altri paesi come la Germania e la Spagna viaggiano a un ritmo quasi doppio

Pil, cos’è che spinge davvero la ripresa

L’agenzia S&P esprime giudizi positivi sulla nostra economia. Merito di investimenti ed export, mentre le banche danno ancora pochi soldi alle aziende

Pil, perché in Italia la crescita accelera

Gli analisti dell'Ocse, di S&P e dell'Istat prevedono un miglioramento dell’economia. Ma in Europa siamo ancora indietro

PIL: cosa sono i 12 nuovi indicatori

Misurano il benessere equo e sostenibile e soprattutto l’impatto delle politiche su queste tematiche

Crescita del pil, cosa serve ancora all'economia italiana

La ripresa del Paese è trainata dall’export e dai consumi. Gli investimenti continuano invece ad arrancare, almeno in certi settori come l’immobiliare

Crescita del Pil nel secondo trimestre del 2017: la maggiore dal 2011

L'aumento è stato dello 0,4%, l'1,5% in un anno. Il Ministro dell'Economia Padoan: ora investimenti, giovani e lotta alla povertà

Commenti