Pensioni: tutti i numeri di quelle italiane
ANSA/ GUIDO MONTANI
Pensioni: tutti i numeri di quelle italiane
Economia

Pensioni: tutti i numeri di quelle italiane

I dati Istat: lo stato spende 277 miliardi per la previdenza, a vantaggio di 16 milioni di anziani. Oltre il 40%, però, guadagna meno di mille euro al mese

Sono più di 16 milioni e costano allo stato oltre 277 miliardi di euro all'anno. Ecco, in sintesi, la fotografia dei pensionati italiani secondo il rapporto pubblicato ogni anno dall'Istat. Si intitola Trattamenti pensionistici e beneficiari e contiene una lunga sfilza di numeri sul nostro sistema previdenziale. Ecco, di seguito, una panoramica sulle cifre più importanti.

Quanti sono i pensionati e quanto guadagnano

I pensionati italiani lo scorso anno erano 16,3 milioni, circa 134mila in meno rispetto al 2013. L'importo medio annuo di ogni singola pensione lorda, però, nel 2014 è comunque aumentato raggiungendo la cifra di 11.943 euro, 245 euro in più rispetto al 2013 (+2,1%). Poiché ogni pensionato percepisce più di un assegno dall'Inps e dagli altri enti previdenziali, il reddito medio di chi si è già ritirato dal lavoro nel 2014 era di 17.040 euro lordi all'anno (403 euro in più rispetto al 2013).

Leggi anche: Pensioni, perché quelle dei giovani saranno basse

I nuovi pensionati

I nuovi pensionati (le persone che hanno iniziato a percepire una pensione nel 2014) sono 541.982 mentre sono 675.860 le persone che nel 2014 hanno smesso di ricevere un assegno previdenziale (perché defunti o perché hanno perso il diritto).

Leggi anche: Pensioni, come cambieranno nei prossimi anni

Donne più povere

Le donne rappresentano il 52,9% dei pensionati italiani e, sempre alla fine del 2014, percepivano in media 14.283 euro (contro 20.135 euro degli uomini). Quasi le metà delle persone anziane del gentil sesso (49,2%) incassa non più di di mille euro lordi al mese. Diversa la situazione tra gli uomini, dove invece solo il 30% dei pensionati ha dei redditi così bassi.

Molti assegni sotto i mille euro

Il 40,3% dei pensionati percepisce un reddito da pensione inferiore a 1.000 euro lordi al mese. Un ulteriore 39,1% guadagna tra 1.000 e 2.000 euro lordi mentre il 14,4% riceve una pensione tra 2.000 e 3.000 euro. Infine, c'è una quota residuale di pensionati (il 6,1%) supera i 3.000 euro lordi mensili.

Il costo delle pensioni più alte

Anche se non sono molti (meno di un milione di persone) i pensionati che guadagnano più di 3mila euro lordi al mese costano allo stato 52 miliardi di euro all'anno. Una parte di questa cifra, comunque, viene restituita alle casse pubbliche attraverso le tasse (e in particolare con il pagamento dell'irpef).

Quanti assegni per ciascuno

Due terzi dei pensionati italiani (66,7%) sono titolari di un solo assegno. Un quarto (25,4%) percepisce due pensioni mentre il 7,8% ne incassa almeno tre ogni mese.

Quanto spende lo stato per la previdenza

Nel 2014 la spesa complessiva per prestazioni pensionistiche ha superato i 277 miliardi di euro, in aumento dell'1,6% rispetto all'anno precedente. La sua incidenza sul pil è cresciuta di 0,2 punti percentuali, dal 16,97% del 2013 al 17,17% del 2014.

Ti potrebbe piacere anche

I più letti