Economia

In pensione a 62 anni, chi potrà andarci e chi no

Gli avvantaggiati e gli esclusi dal nuovo sistema della quota 100 che entrerà in vigore nel 2019

PENSIONI, SINDACATI IN PIAZZA PER CAMBIARE LA FORNERO

Andrea Telara

-

L’asticella doveva essere fissata a 64 anni e invece, come vuole il leader della Lega Matteo Salvini, verrà stabilita probabilmente a 62 anni . E’ questa la soglia anagrafica che nel 2019, se non ci saranno intoppi, consentirà a molti lavoratori italiani di andare in pensione con la nuova riforma previdenziale del governo Lega-5Stelle. 

Nello specifico, entrerà in vigore il sistema della quota 100, che dà diritto al pensionamento se, e solo se, la somma dell’età anagrafica e degli anni di servizio supera una determinata soglia (fissata appunto a 100). Inoltre, indipendentemente dall’età, dovrebbe essere concessa comunque la possibilità di ritirarsi dal lavoro a chiunque abbia almeno 41 anni o 41 anni e mezzo di carriera. 

Ma ecco, di seguito, alcuni casi concreti di chi potrà beneficiare  e chi no della nuova soglia di pensionamento, se verranno confermate le ipotesi che circolano nelle ultime ore. 

Chi resterà a bocca asciutta…

Poiché verrà fissata un’età minima di 62 anni, chi non raggiunge questa soglia anagrafica non potrà andare in pensione anche se, in teoria, rispetta i requisiti della quota 100. Un 60enne con 40 anni di carriera, per esempio, dovrà restare in servizio altri 18 mesi e mettersi a riposo una volta raggiunta un’anzianità di 41 anni e mezzo. Stesso discorso per un 61enne con non più di 39 anni di contribuzione, che dovrà aspettare almeno 12 mesi e congedarsi dal lavoro a 62 anni. 

Ovviamente non potranno andare in pensione neppure tutti i nostri connazionali che hanno meno di 59 anni di età e non più di 40 anni di contributi. Anche loro dovranno attendere il compimento di 62 anni all’anagrafe oppure il raggiungimento di 41 anni e mezzo di carriera. 

…e chi potrà andare in pensione

Se la quota 100 verrà istituita con i criteri descritti sopra, potrà invece ritirarsi dal lavoro nel 2019 chi ha 62 anni di età e almeno 38 anni di servizio, oppure 63 anni all’anagrafe e oltre 37 anni di carriera. Stesso discorso per i 64enni con più di 36 anni di contributi o i 65enni con almeno 35 anni di anzianità. Si tratta di persone che trarranno sicuramente un beneficio dalle nuove regole visto che, con i requisiti attualmente in vigore della Legge Fornero, per andare in pensione dovrebbero aspettare il compimento di 67 anni. 

Per saperne di più



© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pensioni, cosa cambia dal 2019

Tagli agli assegni d’oro, a riposo con 62 anni di età e 38 di carriera. Così il governo cambierà la previdenza

Pensioni e quota 100, perché aiuteranno poco i giovani

Il governo abbassa l’età di ritiro dal lavoro. Ma non servirà per combattere la disoccupazione tra gli under 30

Pensioni di cittadinanza, di cosa stiamo parlando

La maggioranza vuole portare gli assegni Inps minimi a 780 euro mensili. Ma alzarli tutti costa troppo

Tagli alle pensioni d'oro: perché si rischiano ingiustizie

La società di ricerca Itinerari Previdenziali dell’economista Alberto Brambilla, vicino alla Lega, critica le misure del governo

Pensioni: cosa sono la quota 100 e le altre idee di Lega e M5S

Le donne a riposo a 58 anni (col metodo contributivo) e tutti a 64 anni con 36 di contributi. Così Salvini e Di Maio vogliono cambiare la previdenza

Pensioni d'oro, perché tagliarle è difficile

La maggioranza Lega-5Stelle vuole decurtare gli assegni sopra i 4mila euro netti. Ma rastrellerà pochi soldi

Pensioni d’oro e vitalizi, le cose da sapere

Qualche nozione per capire come il governo sta per tagliare gli assegni Inps sopra 4-5mila euro e le rendite degli ex-parlamentari

Pensioni minime, quanto costa alzarle davvero

Il ministro del Lavoro Di Maio vuole portare a 780 euro al mese gli assegni più bassi. Ma , per riuscirci, ha bisogno una montagna di soldi

Pensioni, meglio tagliarle tutte e non solo quelle d'oro

Con un contributo di solidarietà su ogni assegno retributivo, si possono recuperare 6 miliardi di euro da destinare ai giovani

Pensioni d'oro, quante sono e quanto costano

Circa 200mila italiani incassano dall’Inps un assegno superiore ai 5mila euro lordi al mese. Ma le loro rendite sono già tartassate dal fisco

Commenti