Taglio dell'irpef, Irap, tassazione delle rendite e lavoro: le promesse del Governo Renzi

I provvedimenti fiscali e di spesa del consiglio dei ministri, che prevedono fino a circa 80 euro in più nella busta paga, per i dipendenti che guadagnano meno di 1.500 euro netti al mese

– Credits: Giuseppe Lami/Ansa

Andrea Telara

-

Il governo Renzi ha messo in cantiere i primi provvedimenti importanti in tema di tasse e lavoro, preannunciati da diversi giorni. Il premier ha illustrato a grandi linee le nuove misure, nella conferenza stampa al termine della riunione del consiglio dei ministri, lasciando poi ai responsabili dei singoli dicasteri il compito di comunicarne i dettagli.

IL PROBLEMA DELLE COPERTURE FINANZIARIE

Ecco una panoramica sulle nuove misure.

IRPEF

Dal primo di maggio in poi, ci sarà un taglio dell'irpef fino a mille euro all'anno, in media circa 80 euro al mese, sui redditi da lavoro dipendente e assimilati inferiori a 25mila euro lordi annui (circa 1.500 euro netti mensili). Le coperture arriveranno dal piano della spending review redatto dal commissario Carlo Cottarelli, che porterà 7 miliardi di euro di risorse nel primo anno. Altre coperture ci saranno grazie al calo dello spread e ai maggiori proventi dell'iva, generati dallo sblocco dei debiti della pubblica amministrazione

RENDITE FINANZIARIE

Sempre dal primo maggio, vi sarà un aumento della tassazione delle rendite finanziarie, con l'aliquota che salirà dal 20 al 26%, escludendo i titoli di stato.

IRAP

L'aumento della tassazione sulle rendite porterà circa 2,6 miliardi in più nelle casse dello stato, che verranno impiegati per ridurre del 10% l'irap, l'imposta regionale sulle attività produttive.

LAVORO

Il governo sembra invece aver preso tempo per le annunciate riforme del mercato del lavoro (Job Act). Su questo fronte, l'esecutivo adotterà misure attraverso una legge-delega, che certamente impiegherà mesi per essere perfezionata. E' stata comunque confermata l'intenzione di estendere i sussidi alla disoccupazione anche ad alcune categorie di lavoratori precari, i collaboratori a progetto e le false partite iva. Nel breve termine, è stata invece annunciata una semplificazione degli adempimenti burocratici dell'apprendistato, a cui si aggiunge l'intenzione di rendere più flessibili i contratti a tempo determinato, eliminando l'obbligo per il datore di lavoro di indicare la causale che ha portato ad assumere il dipendente con un inquadramento a termine e non stabile. Novità a breve, invece, ci saranno per la Garanzia Giovani, cioè i programmi di formazione e inserimento professionale finanziati dall'Unione Europea. Previsti inizialmente per chi ha meno di 25 anni, i piani europei saranno estesi agli under 29.

ENERGIA

E' prevista una misura per il taglio del 10% dei costi dell'energia per le piccole e medie aziende, i cui dettagli devono però essere ancora comunicati.

DEBITI PUBBLICA AMMINISTRAZIONE

Il premier annuncia di nuovo lo sblocco  dei debiti della pubblica amministrazione per 68 miliardi di euro entro luglio. Altri 500 milioni sono previsti come risorse destinate al fondo per l'accesso al credito delle piccole e medie imprese.

PIANO SCUOLE

Entro il primo di aprile sarà pronta l'unità di missione che deve monitorare lo stato dell'edilizia scolastica e mettere in cantiere un piano di riqualificazione e la messa in sicurezza degli edifici di 3,5 miliardi di euro.

DISSESTO DEL TERRITORIO

Circa 1,6 miliardi sono già pronti per un piano di interventi contro il dissesto idrogeologico del territorio, già preventivati grazie ad apposite delibere del Cipe (il comitato interministeriale per la programmazione economica).

TUTTO QUELLO CHE C'E' DA SAPERE SULL'IRPEF

TASSE, COSA HA IN MENTE RENZI

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Irpef: chi la paga e quanto fa incassare allo stato, l'imposta che verrà tagliata da Renzi

Ecco un identikit del prelievo che rosicchia i salari degli italiani e che il governo ha deciso di abbassare

Irap o irpef? Le due strade alternative di Renzi per abbassare le tasse

I dieci miliardi di taglio al cuneo fiscale possono andare in direzioni diverse. Ecco quali

Commenti